Commissione Qualità per “Voci nell’Ombra”, il Festival internazionale del doppiaggio

Per la prima volta sarà una commissione di esperti a proporre la selezione di professionisti emergenti che sarà poi sottoposta alla votazione popolare che assegnerà il premio “Voce emergente del doppiaggio italiano”

Savona / Genova | Voci nell’Ombra – Il Festival internazionale del doppiaggio, dopo la presentazione alla 76ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, prosegue il suo cammino verso la ventesima edizione, in programma dal 9 al 12 ottobre tra Savona e Genova, con la nomina della Commissione Qualità 2019, la prima collegata al Festival. I componenti della Commissione Qualità 2019 sono: Maura Vespini, Lucia Valenti, Silvano Piccardi, Fabrizia Castagnoli, Ludovica Modugno, Sandro Acerbo, Flavio de Flaviis, Rodolfo Bianchi, Roberto Chevalier.

Saranno loro, nove professionisti di lungo corso, fra i più autorevoli direttori di doppiaggio rappresentativi dell’intero territorio italiano, a selezionare le sei voci emergenti da sottoporre in un secondo tempo alla votazione popolare on line. Dalla rosa delle sei nomination, attraverso il voto popolare on line, le cui modalità saranno al più presto comunicate, si arriverà all’assegnazione del premio alla “Voce emergente del doppiaggio italiano”, a cui sarà attribuita la targa “Bruno Astori”, intitolata all’ideatore di “Voci nell’Ombra”. La premiazione avverrà nel corso della serata d’onore in programma il 12 ottobre al Teatro Chiabrera di Savona. Per la prima volta sarà quindi una commissione di grandi esperti a proporre la selezione di professionisti emergenti che sarà poi sottoposta alla votazione popolare. Una garanzia che è sembrata utile a favorire il rispetto del principio di imparzialità, grazie all’istituzione di una giuria di esperti, e a creare un equilibrio che salvaguardi i criteri di qualità mettendoli in confronto con la forza della popolarità, permettendo di mettere in evidenza i talenti che si distinguono nel buio delle sale di doppiaggio.

La commissione di qualità per la “voce emergente del doppiaggio italiano” e il voto popolare ci forniranno un indiscusso nominativo del nuovo “talento”. “Venti edizioni di un Festival davvero unico – dichiara Tiziana Vaorino, direttore della manifestazione – capace di segnare la storia del cinema, spartiacque che ha portato le luci della ribalta nel buio delle sale di doppiaggio e ha contribuito a far scoprire chi sono le “voci nell’ombra” delle star di Hollywood, le controfigure sonore italiane. Prima di Voci nell’Ombra solo i Nastri d’Argento riconoscevano i meriti dei doppiatori, seppur non fossero tra le principali categorie. E Voci nell’Ombra divenne il premio dei doppiatori, con una giuria di critici, giornalisti ed esperti, all’insegna dello spessore, dello studio, dell’approfondimento culturale, delle testimonianze, della volontà di insignire le eccellenze di un’arte italiana tutta da preservare, di premiare quella componente attoriale che solo alcune voci hanno saputo esprimere e trasferire nel nostro bagaglio audiovisivo che ci ha accompagnati nel nostro divenire adulti. Dopo i semi che abbiamo lanciato, si sono accesi i riflettori su un intero settore favorendo il nascere di altre iniziative, su cui vantiamo una presenza che può ormai definirsi storica”.

Ma “Voci nell’Ombra” si distingue proprio per avere una giuria che valuta la consegna degli Anelli d’Oro alle eccellenze del doppiaggio, dell’adattamento e delle professioni del settore, una giuria costituita unicamente da critici, giornalisti ed esperti per ciascuna sezione e categoria. Voci nell’Ombra, diretta da Tiziana Voarino, è sostenuta da un’ampia rete di collaborazioni, fra cui SIAE, la Società Italiana degli Autori ed Editori che dal 2015 garantisce la sua presenza come sponsor principale, in coerenza con una politica volta a promuovere e valorizzare i nuovi talenti e il loro percorso sia formativo che professionale. La rassegna vanta il sostegno di Fondazione De Mari, Regione Liguria, Nuovo Imaie. Top sponsor è Quidam, eccellenza nella lavorazione del vetro per l’edilizia e per l’interior design, che anche in questa XX edizione sarà presente col Premio ArtKitchens del marchio Atmosphere, che comprende rivestimenti in vetro decorato e complementi d’arredo. Il Festival si avvale del Patrocinio, del Ministero per i beni e le attività culturali, del Comune di Savona, della Provincia di Savona, dell’Università di Genova, dell’Università di Milano Bicocca, del Conservatorio di Milano, dell’Università di Bologna con il D.I.T. di Forlì, della Scuola Civica per interpreti e traduttori di Milano, dell’Orientale di Napoli. Sempre maggiori i partner stranieri, in particolare i dipartimenti di trasposizione multimediale rappresentati da Rufilm e Università Aerospaziale di San Pietroburgo, Università Sophie Antipholis di Nizza e Università di Strasburgo. Sono inoltre da citare gli apporti fondamentali di AIDAC (Associazione Italiana dialogisti e adattatori cinetelevisivi), ADAP (Associazione doppiatori e attori pubblicitari), AGIS, Agis Scuola, Genova Liguria Film Commission, Confassociazioni, Rete Impresa, Ufficio Scolastico Regionale della Liguria e della CCIAA di Liguria.

Ultima revisione articolo: