Area di crisi complessa savonese, Invitalia finanzia First Plast

Savona / Genova. “Siamo felici che un altro insediamento produttivo si stabilisca nel territorio, consolidando il tessuto economico di Savona. Ringraziamo perciò Invitalia per la fattiva collaborazione e siamo certi che nei tempi previsti riuscirà a concludere l’iter approvativo delle altre domande in istruttoria”. È il commento dell’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti a seguito dell’ammissione di First Plast agli incentivi della legge 181/89.

L’investimento ammesso per l’azienda di Altare è pari a 6,8 milioni di euro e le agevolazioni complessivamente deliberate ammontano a oltre 4,6 milioni, di cui 3,3 nella forma del finanziamento agevolato e 1,3 a fondo perduto. Nel frattempo, il 25 giugno scorso si è chiusa la seconda finestra del bando da 3,5 milioni dedicato al supporto e alla realizzazione di progetti di attività di ricerca e sviluppo sull’area di crisi complessa savonese.


“Dopo le 5 domande di contributo per richiesta di oltre 2,2 milioni di euro sulla prima finestra (la dotazione era di 2,1 milioni), sono state presentate per la seconda finestra 7 domande per una richiesta di contributo superiore ai 2,3 milioni di euro (la dotazione era pari a 1,4 milioni di euro). Sulla falsariga di questi ottimi risultati, ci aspettiamo una risposta altrettanto importante dal territorio con il bando regionale da 12,5 milioni di euro dedicato allo sviluppo produttivo dell’area di crisi complessa, che partirà il prossimo 15 luglio” conclude Benveduti.

Ultima revisione articolo: