Fra inediti strumenti e partiture, via al nuovo Maggio Musicale Alassino

Alassio. Dal 3 maggio alla Chiesa Anglicana quattro appuntamenti nel segno della musica classica e delle tradizioni strumentali meno conosciute. “La primavera musicale alassina – è l’annuncio dell’Assessore al Turismo, Angelo Galtieri –  apre ad una nuova rassegna che si prefigge non solo lo scopo di ampliare la rosa delle proposte musicali ma anche di toccare aspetti inediti della cultura musicale. Strumenti e partiture appartengono a un repertorio desueto per dar vita a una narrazione unica. Confido diventerà una tradizione della primavera alassina fornendo una risposta alla domanda di musica classica”.

Da venerdì 3 maggio, prenderà il via la prima rassegna di concerti-conferenze con esecuzioni musicali dal vivo dal titolo evocativo di “Maggio Musicale Alassino”. L’iniziativa, a cura della direzione artistica dell’Associazione  “Il Concento Barocco” e della scuola di musica “Carlo Tomagnini” di Alassio, è stata realizzata con il sostegno dell’Assessorato al Turismo. “Il fine ultimo della manifestazione – spiegano gli organizzatori – è quello di avvicinare il grande pubblico alla musica colta della quale – spesso – non si conoscono alcuni aspetti accattivanti, curiosi e divertenti sia nell’ambientazione storica che nell’aneddotica, con i concertisti stessi che da distaccati esecutori si trasformano anche in narratori delle suggestioni musicali. Particolarmente intrigante sarà non solo la scelta dei repertori più inediti e poco conosciuti ma anche l’esecuzione con strumenti storici o di raro utilizzo”.

I percorsi musicali sono quanto mai vari. Si va dall’appuntamento di apertura di venerdì 3 maggio con i “Suoni d’America” del duo Gian Marco Solarolo all’oboe e Cristina Monti al pianoforte, alle note al femminile delle grandi compositrici ottocentesche, con il concerto di pianoforte a quattro mani  del 10 maggio del duo Nicora-Baroffio, al repertorio barocco italiano  per flauto, trombone barocco e cembalo de “Il Concento Barocco “, venerdì 17 maggio, e infine concludere venerdì 31 maggio col patrimonio musicale tipicamente nostrano del Melodramma, con Rossini, Verdi, Mascagni e Puccini rivisitati nell’esecuzione del duo con Livia Rigano al pianoforte ed Emanuele Cedrone alla melodiosa.  La cornice ospitante sarà la splendida Chiesa Anglicana, punto di riferimento della comunità inglese di Alassio nei primi decenni del Novecento. Dotata di un’ottima acustica è stata ristrutturata come spazio polifunzionale con un calendario di iniziative che si susseguono nell’intero arco dell’anno: mostre, spettacoli, concerti e conferenze. L’ingresso alle serate è libero.