Enpa, un albero di Natale artificiale per chi ama la natura

Savona. Un albero di Natale artificiale, che può essere utilizzato per molti anni, “egualmente o forse più bello di uno vero, evitando quindi di sacrificarne uno vivo che, molto spesso, viene buttato via dopo le feste”.

È la proposta che la Protezione Animali savonese formula “a chi ama la natura, ricordando i tanti alberi bruciati nei boschi negli incendi estivi e quelli distrutti dal recente evento climatico eccezionale, assieme a migliaia di animali selvatici”: “Sarà un modo di festeggiare il Natale nel rispetto della natura ed onorare le norme (migliorabili ma innovative per l’epoca) a tutela del verde pubblico e privato che, proprio a Savona fin dal 1995, su proposta ed elaborazione dell’Enpa e ad opera dell’allora vicesindaco Dario Amoretti, vennero per la prima volta introdotte nei regolamenti comunali”.

Se poi proprio non si vuole fare a meno di un soggetto vero, Enpa invita a seguire le regole dell’ex Corpo Forestale dello Stato, ora Carabinieri Forestali:

—Acquistarlo da un vivaio autorizzato e controllare che abbia il tagliandino di riconoscimento.
—Sistemarlo in un locale luminoso ed asciutto, lontano da fonti di calore e correnti d’aria e tenere le radici sempre bagnate; se è stato comprato un “cimale” (senza radici), metterlo in un recipiente con acqua tiepida.
—Evitare addobbi pesanti e colori.
—Terminate le festività, consegnarlo ad uno dei centri di raccolta organizzati perché possa essere ripiantato.