Alassio, il Consiglio ha approvato il nuovo Statuto Comunale

Alassio. Il Consiglio approva l’aggiornamento dello Statuto Comunale adeguandolo alle normative vigenti; l’ultima modifica risaliva al 2009 e più volte negli ultimi anni le minoranze consiliari avevano evidenziato la necessità di aggiornare il vigente Statuto Comunale alla normativa più recente.

“Mi piace dire che laddove non è riuscita la precedente amministrazione – commenta, presentando il testo, il Presidente del Consiglio Comunale Massimo Parodi – siamo riusciti noi nelle prime dieci settimane del mandato. Per l’aggiornamento delle premesse storiche abbiamo lavorato con l’aiuto dell’ex sindaco, storico e studioso delle vicende alassine Giampaolo Mela e il giovane laureando in storia con una tesi sulle mura di Alassio, Francesco Bignami. Vorrei poi ringraziare l’avvocato Parascosso che si è confrontato con noi sulla proposta individuando correzioni ulteriori oggetto di un apposito e opportuno emendamento Con Monica Di Marco, segretario generale, invece abbiamo proceduto alla revisione delle norme statutarie recependo le novità normative”.

Negli ultimi anni, infatti le norme hanno visto:

– modificare il numero dei componenti degli organi politico amministrativi;

– introdurre l’obbligo delle quote rosa;

– consentire al Sindaco di assegnare ai consiglieri incarichi di studio e di collaborazione;

– introdurre nuove forme di partecipazione alla vita politico-amministrativa quali le Commissioni Comunali in aggiunta alla Commissioni Consigliari, organismi aventi poteri consultivi aperti alla partecipazione dei cittadini nei modi che verranno meglio dettagliati nel successivo regolamento;

– introdurre i principi dell’armonizzazione contabile, introdotti dal DLGS 118/2011 che governano le finanze dell’Ente;

– eliminare il collegio dei revisori e sostituirlo col revisore unico così come dettato dal legilsatore dalla revisione del Tuel del 2012;

– introdurre il vicepresidente del Consiglio che dovrà essere eletto dal Consiglio Comunale quando lo Statuto entrerà in vigore, decorsi i 30 giorni di pubblicazione richiesti dal Tuel.

“A seguito dell’approvazione di questo documento – conclude Parodi – dovremmo procedere con la revisione e l’attualizzazione di tutti i regolamenti dell’Ente. In particolare ci siamo dati il termine di tre mesi da oggi per l’aggiornamento del regolamento del Consiglio Comunale”.