“Una liguria sopra le righe” approda a Savona

Lanciato l’hashtag #orgogliosavona per la campagna che coinvolge 78 comuni liguri. Si parte giovedì 26 luglio con le notti bianche a Savona.

È un’estate all’insegna dei colori, delle tradizioni e del divertimento quella promossa da Regione Liguria con l’iniziativa “Una Liguria sopra le righe” 2018, erede del Red Carpet.
Itinerari colorati divisi per categorie e fasce di pubblico, che raccontano tutte le bellezze dell’orgoglio ligure.

Savona ha abbracciato la campagna “Una Liguria sopra le righe” approdando da giovedì 26 luglio, in concomitanza con i “Giovedì in Musica”, sulle reti televisive nazionali e sui social, dove verrà lanciato l’hashtag #orgogliosavona – unito a #orgoglioliguria – a cui faranno eco via via gli hashtag dedicati alle singole eccellenze della città: un mare premiato con la Bandiera Blu, quattro chilometri di arenili con oltre trenta stabilimenti balneari, la vivace zona del porto, un patrimonio d’arte nel centro cittadino, itinerari verdi tra i quali la Valle del Letimbro che conduce al Santuario di Nostra Signora di Misericordia, uno dei più importanti santuari mariani d’Italia. E poi la Torre Leon Pancaldo, il Priamar e la tipicità dei caruggi del centro storico.

Una visita alla città può iniziare dal Priamar. La fortezza cinquecentesca, annoverata tra le più imponenti fortificazioni affacciate sul Mar Mediterraneo, è una cittadella culturale che ospita il Museo Archeologico, il Museo Pertini Cuneo, rassegne temporanee, un moderno Centro Congressi e, in estate, un grande Teatro all’aperto con una ricca stagione di eventi. Accanto al Priamar, la vecchia Darsena è il cuore pulsante del porto di Savona, uno dei luoghi di svago preferito dai savonesi e dai turisti, accogliente in ogni stagione con un susseguirsi piacevole di bar e ristoranti. Il porto turistico offre attracco a yacht e barche a vela.

Savona è anche uno dei principali porti crocieristici nazionali, con due terminal della Compagnia Costa.
Di fronte alla Darsena, le Torri del Brandale indicano l’accesso al Centro Storico, nucleo medievale della città dove si intrecciano i caruggi di via Pia, Vico Spinola e Vico della Mandorla, sopra i quali domina la celebre “Campanassa”, sede dell’omonima associazione.
Fulcro di un percorso d’arte di notevole interesse è il MUSA-Museo d’Arte di Palazzo Gavotti che ospita la Pinacoteca Civica, per proseguire, nel restaurato Palazzo del Monte di Pietà, con il Museo della ceramica, un’autentica eccellenza per il territorio ligure riconosciuta a livello internazionale. In zona si trova anche il Complesso Monumentale del Duomo con il chiostro e la Cappella Sistina voluta da papa Sisto IV per ospitare il mausoleo dei genitori. Savona può definirsi con onore “Città dei Papi” grazie all’eredità artistica lasciata da Sisto IV e Giulio II, pontefici mecenati del Rinascimento entrambi provenienti dalla famiglia savonese dei Della Rovere. Lasciati i luoghi sacri, i visitatori si possono concedere un peccato di gola assaporando i prodotti a base di chinotto, agrume tipico della Riviera di Ponente e Presidio Slow Food.

A collegare e a tracciare i diversi percorsi savonesi saranno le strisce colorate disegnate sul terreno. Tre i colori principali, validi per tutto il territorio regionale: il giallo identificherà i percorsi dedicati ai bambini, con attività ludiche e didattiche rivolte ai più piccoli e alle famiglie, il rosso sarà dedicato all’arte e agli itinerari culturali, mentre quello blu porterà alla scoperta delle curiosità del luogo.

I diversi percorsi sono riconoscibili grazie a linee di vernice tracciate sull’asfalto e a pallini adesivi applicati su piastrelle e ciottolato, per tutelare le diverse tipologie di pavimentazione.

Di seguito i percorsi dedicati a #orgogliosavona:

ITINERARIO ROSSO – ARTE
Complesso del Duomo:  noto anche come Cattedrale dell’Assunta, progettato probabilmente da Battista Sormano è stato eretto tra il 1584 e il 1605.
Adiacente alla Cattedrale si trova la Cappella Sistina costruita per volere di Papa Sisto IV tra il 1481 e il 1483 come mausoleo per ospitare le tombe dei suoi genitori.

MUSA – Museo d’Arte di Palazzo Gavotti: ospita la Pinacoteca Civica (con raccolte di opere d’arte dal Trecento ai giorni nostri) e la Collezione di arte contemporanea Milena Milani/CarloCardazzo. Il Museo della ceramica è allestito nel Palazzo del Monte di Pietà collegato  a Palazzo Gavotti.

Complesso del Brandale: formato dalla Torre del Brandale, detta anche della Campanassa, dalle Torri Corsi e Guarnieri e dal Palazzo dell’Anziania. Quest’ultimo risale al XIV secolo mentre le torri sono della metà del 1100. Sembra che la Torre del Brandale fosse la principale delle 50 torri della città, sulla cima delle quali venivano accesi dei fuochi con funzione di fari.

ITINERARIO GIALLO  –  BAMBINI
Giardini di Piazza del Popolo : recentemente sono terminati i lavori di restyling per la riqualificazione dei giardini con giochi per bambini.

Giardini del Prolungamento a mare: giardino pubblico dagli inizi del 1900, è un area di verde con giochi attrezzati situata tra la Fortezza del Priamar  e il mare. Dalla statua di Garibaldi in Piazza Eroe dei Due Mondi inizia la Passeggiata Walter Tobagi che affianca la lunga spiaggia fino al ponte Ruffino.

Fortezza del Priamar: imponente complesso  che domina il centro cittadino in corrispondenza del porto. La denominazione potrebbe derivare da pria a’ ma (pietra sul mare) oppure da pria a mala (pietra cattiva cioè friabile). Oggi è una vera e propria cittadella della cultura ed ospita musei, mostre e iniziative, centro congressi, parco con punti panoramici e un teatro estivo all’aperto.

ITINERARIO BLU  – CURIOSITÀ
Torre Leon Pancaldo: popolarmente denominata Torretta, è eletta a simbolo della città. Di forma quadrangolare e alta 23 metri faceva parte della cinta muraria trecentesca all’ingresso del porto. Verso il mare è  presente una nicchia con la statua della NS di Misericordia ed è possibile leggere la supplica poetica, composta dal poeta savonese Gabriello Chiabrera : “IN MARE IRATO, IN SUBITA PROCELLA, INVOCO TE NOSTRA BENIGNA STELLA”

Chinotto: agrume originario della Cina , importato da un navigatore savonese nel XVI secolo, ha un profumo intenso ed un sapore amarognolo. Viene utilizzato soprattutto per essere candito o conservato sotto spirito. Oggi è Presidio Slow Food.  In via Paleocapa e Piazza Mameli sono presenti attività commerciali che promuovono tale eccellenza.

Monumento ai Caduti: inaugurato alla presenza di re Vittorio Emanuele III  il 18 settembre 1927 a ricordo dei caduti della Prima Guerra Mondiale. Formato da varie figure che sorreggono una campana, copia della antica “Campanassa” di Savona, è opera dello scultore genovese Luigi Venzano. Ogni sera alle ore 18.00 suona 21 volte per ricordare i Caduti della guerre mondiali e pedoni, auto, biciclette e motorini si fermano. Ogni rintocco simboleggia una lettera dell’alfabeto.

Così il Sindaco di Savona Ilaria Caprioglio: “Inserire la campagna #orgoglioliguria nel circuito dei ‘Giovedì in Musica’ è un valore aggiunto alle attività ludico-culturali delle notti bianche, ma è anche un ottimo modo per inaugurare questo progetto promosso da Regione Liguria. Ancora una volta Savona si conferma città turistica con un enorme patrimonio artistico e culturale, accessibile a grandi e piccini.
‘Una Liguria sopra le righe’ permetterà a Cittadini e turisti di conoscere Savona, le sue tradizioni e le sue curiosità”.