Loano, svaligia i distributori automatici del comune

Loano. È stato denunciato con le accuse di furto aggravato e di “possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli” il 37enne che ieri ha scassinato e svaligiato i distributori automatici presenti all’interno di Palazzo Doria a Loano.

L’episodio si è verificato mercoledì, quando il 37enne, pluripregiudicato originario di Torino ma domiciliato a Loano, ha scassinato le macchinette situate al pianterreno del municipio portandosi via tutto il contante in esse contenuto.
Per sua sfortuna, però, il suo viso è stato inquadrato dalle telecamere di videosorveglianza presenti all’interno del palazzo civico loanese e ciò ha consentito alla polizia municipale, incaricata delle indagini, di risalire alla sua identità.

Questa mattina, poi, un agente fuori servizio lo ha riconosciuto tra la folla e ha subito contattato i propri colleghi. Grazie alla segnalazione, una pattuglia è riuscita a bloccarlo. Accompagnato presso il comando di via dei Gazzi per gli accertamenti di rito, è emerso che l’uomo ha già alle spalle alcuni precedenti specifici per furto (il 5 febbraio scorso) e per rapina (fatto che risale al 2014) e denunce per violenza e altri reati. Sottoposto a perquisizione, dalle sue tasche è saltato fuori un cacciavite, con tutta probabilità utilizzato come strumento da scasso.

Il sindaco di Loano, Luigi Pignocca, e l’assessore alla polizia municipale, Enrica Rocca, si complimentano con gli agenti guidati dal comandante Gianluigi Soro: “Ancora una volta gli uomini del nostro comando hanno dimostrato grande prontezza e spirito d’osservazione individuando e bloccando l’autore di un furto avvenuto all’interno di un luogo pubblico. Il presidio e la presenza sul territorio non sono dati solo dalle pattuglie in divisa che controllano le strade, ma anche e soprattutto da una ‘forma mentale’ che porta i nostri agenti a farsi trovare sempre pronti in caso di necessità”.