Le polizie locali di Albenga, Finale Ligure e Loano sempre più unite

Loano. È stato sottoscritto questo pomeriggio l’accordo tra i Comuni di Albenga, Finale Ligure e Loano per la creazione di una Centrale Operativa Unica che coordini l’attività delle rispettive polizie locali. Il progetto sarà portato avanti in via sperimentale solo per l’anno 2018 e, se darà i risultati sperati, sarà riproposto anche per l’anno successivo.

“La creazione di una Centrale Operativa Unica per le polizie municipali dei nostri tre Comuni – spiega il sindaco di Loano Luigi Pignocca – rientra tra le iniziative contenute nella convenzione sottoscritta a partire dal 2009 e rinnovata nel 2017 e che nel corso di questi anni ha portato notevoli risultati dal punto di vista del coordinamento delle attività e dell’ottimizzazione delle risorse finanziarie, umane e strumentali. Le sempre minori risorse a disposizione degli Enti locali hanno reso questo obiettivo una necessità fondamentale per mantenere inalterata la qualità dei servizi offerti ai cittadini. Questo progetto persegue proprio questo obiettivo”.

Il sindaco di Albenga Giorgio Cangiano aggiunge: “La collaborazione fra Comuni, soprattutto in periodi complicati come quelli in cui stiamo vivendo, è fondamentale per ottenere risultati positivi. Lo spostamento del comando di polizia municipale nell’ex tribunale, che in questi giorni verrà intitolato ai magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, permette di poter usufruire di una struttura comodamente accessibile con spazi molto ampli che consentono di poter dare risposta ad esigenze comprensoriali come quella della centrale operativa unica con ricadute positive per tutta la cittadinanza. Quello di oggi rappresenta un ulteriore passo verso una maggiore integrazione dei tre comandi nell’ottica di razionalizzazione delle risorse che consente una maggiore presenza degli operatori su strada e l’acquisizione di una maggiore professionalità, sia per gli operatori di centrale unica che per l’ufficio unico tutela del territorio e una maggiore professionalizzazione dell’ufficio sinistri”. “Con la creazione di una Centrale Operativa Unica per i tre Comuni – aggiunge il sindaco di Finale Ligure Ugo Frascherelli – avremo la possibilità di ottimizzare le risorse a nostra disposizione, innalzare gli standard di servizio ed effettuare investimenti dal punto di vista tecnologico per potenziare i collegamenti tra i tre comandi e migliorare l’efficacia dell’attività. Senza dimenticare, ovviamente, il potenziamento delle iniziative di prevenzione e controllo del territorio: avendo un minore numero di addetti alla centrale operativa, infatti, potremo avere più agenti presenti ‘in esterno’ e quindi garantire un presidio ancora più efficace ed incisivo”.

La Centrale Operativa Unica svolgerà funzione di vertice delle attività dei singoli comandi e si occuperà di gestire le chiamate telefoniche e le richieste di intervento dei cittadini. Inoltre, svolgerà anche la delicata funzione di supporto, tutela e coordinamento dell’attività degli operatori delle polizie locali sul territorio. Con la Centrale Operativa Unica, inoltre, i cittadini avranno a disposizione un canale di accesso unico ai molteplici servizi della polizia locale e di gestione delle emergenze. La specializzazione a cui andranno incontro gli operatori, infine, permetterà a chiunque si rivolgerà alla Centrale di interagire con personale preparato in grado di dare risposte immediate, non solo all’emergenza ma anche di indirizzare le istanze ai competenti uffici, interni ed esterni.

La Centrale Operativa Unica avrà sede ad Albenga, in quanto già dotata di idonea infrastruttura e di dotazione organica pari alla somma di quella di Finale Ligure e Loano. Sempre in ambito di unificazione degli apparati e degli uffici, le tre polizie locali di Albenga, Finale Ligure e Loano hanno anche concordato la creazione di un Ufficio Unico per la Tutela del Territorio, che si occuperà di effettuare interventi volti a prevenire, controllare, reprimere i comportamenti illegali in materia di polizia rurale, disciplina di pianificazione territoriale urbanistica e ambientale. “La difesa del suolo e la prevenzione dalle diverse forme di dissesto geologico e idrogeologico – aggiunge il sindaco Frascherelli – rendono sempre più necessario il coordinamento e la presenza sul territorio di personale altamente qualificato che supporti le altre risorse e gli uffici della pubblica amministrazione. L’Ufficio Unico per la Tutela del Territorio opererà di propria iniziativa, sulla base di denunce o esposti presentati da cittadini, su richiesta degli uffici comunali e su delega dell’autorità giudiziaria”. Ciò sarà possibile anche in virtù di un protocollo di intesa sottoscritto proprio oggi dalla Procura della Repubblica di Savona e l’associazione delle polizie municipali di Albenga, Finale Ligure e Loano. In base all’accordo, il sovrintendente capo della polizia municipale di Loano, Gabriele Berriolo, si occuperà presso la Procura di Savona di attività di polizia giudiziaria correlate alla trattazione dei procedimenti penali relativi a violazioni urbanistico-edilizie, paesaggistiche, ambientali e di tutela del territorio. L’accordo sarà in vigore fino al 2027.

“Questo ulteriore protocollo d’intesa – spiega il sindaco Pignocca – rappresenta l’estensione all’intera associazione delle polizie locali di un precedente accordo tra il nostro comando loanese e la Procura di Savona. Tale sinergia ha lo scopo di favorire lo scambio di informazioni e l’omogenea diffusione di ‘buone prassi’ nonché la collaborazione con gli altri servizi di polizia giudiziaria. Inoltre ha l’obiettivo di arricchire ulteriormente il bagaglio professionale del personale che sarà di stanza presso il palazzo di giustizia di Savona e assicurerà alla Procura il contributo tecnico di personale qualificato, specie per quanto riguarda le attività di polizia giudiziaria correlate ai reati legati alla tutela del territorio.

In particolare, l’ufficio si occuperà di: tutela del suolo, dell’acqua, dell’aria; vigilanza sull’attività edilizia (con particolare riferimento alla tutela urbanistica, ambientale e del demanio, anche in cooperazione con i competenti organi/uffici regionali o statali; procedimenti riguardanti le opere in assenza di concessione in totale difformità dalla medesima o con variazioni essenziali; accertamenti su richiesta dell’autorità giudiziaria e di altri soggetti in materia urbanistica; vigilanza sulla legislazione ambientale ed ecologica, con particolare riferimento all’inquinamento idrico, da rifiuti ed acustico; accertamenti su richiesta dell’autorità giudiziaria sulla materia ambientale; accertamenti inottemperanza di ordinanza emesse dai settori urbanistico e lavori pubblici in tema di abusivismo edilizio e ripristino stato dei luoghi, pubblica incolumità strettamente legate alle materie di competenza dell’Ufficio. Ancora, l’Ufficio si opererà in ambito di: tutela dei beni paesaggistici, naturalistici ed ambientali, della flora e della fauna; tutela della qualità urbana e rurale; in generale, la vigilanza su ogni attività che comporta l’utilizzo e la trasformazione del territorio.

In ultimo, i Comuni di Albenga, Finale Ligure e Loano hanno sottoscritto un ulteriore accordo per la creazione di un unico Ufficio di Infortunistica Stradale. Precisa Cangiano: “L’obiettivo generale, anche in questo caso, è quello di riorganizzare interamente il servizio, razionalizzando l’impiego del personale, e offrire ai cittadini uno sportello telematico evoluto in grado di rispondere rapidamente e con efficienza alle esigenze in caso di sinistro grazie alla presenza di operatori maggiormente specializzati”.

L’Ufficio si occuperà, tra gli altri, dell’attività di rilevazione dei sinistri stradali e delle successive indagini; di ripristinare e regolare la circolazione stradale; di comunicare all’autorità giudiziaria eventuali profili di responsabilità di carattere penale, disporre i relativi atti nell’immediatezza dei fatti; stendere rapporti informativi sulla base delle rilevazioni tecniche riscontrate; della ricezione di denunce-querele per reati connessi alla circolazione stradale; dell’attività di indagine delegata dalla Procura della Repubblica; della compilazione e comunicazione delle statistiche riguardanti i dati sugli incidenti stradali; della trasmissione delle patenti di guida alla Prefettura in seguito a violazione delle norme del codice della strada, segnalazioni per la revisione della patente. Ufficio