“Hitch”: nuova edizione della rassegna dedicata ad Alfred Hitchcock

Genova. “C’è qualcosa di più importante della logica: è l’immaginazione”. Parola di Alfred Hitchcock. A partire dal prossimo 19 Febbraio l’Altrove – Teatro della Maddalena rende omaggio al padre della suspense al cinema attraverso dieci film – provenienti dalle maggiori cineteche italiane – che ripercorreranno le tappe della sua filmografia degli anni ‘40 e ’50. Con Hitch, questo il nome della rassegna, l’occasione sarà ghiotta per rivedere (o vedere per la prima volta) alcuni capolavori del maestro nel formato in cui furono girati e pensati. La visione delle opere cinematografiche in pellicola è una consuetudine che l’Altrove ha scelto di perseguire perché – al pari di un’opera pittorica – costituisce la modalità di fruizione più adeguata alle scelte fatte dall’autore.

Hitchcock ha rappresentato per la storia del cinema tutto e il contrario di tutto: per molti è stato il rappresentante del cinema commerciale, per altri (i giovani critici dei Cahiers du Cinéma, ad esempio) l’emblema stesso del cinema d’autore. I film proposti appartengono al periodo che va dal 1941 de Il Sospetto al 1956 di Vertigo – La donna che visse due volte (entrambi i film in programmazione lunedì 19 Febbraio), passando per alcuni capolavori del cinema hitchcockiano come La finestra sul cortile (26 Febbraio), Nodo alla gola (5 Marzo) e L’uomo che sapeva troppo (12 Marzo). Il ciclo si chiuderà con un omaggio a Otto Preminger (19 Marzo) e al capolavoro Anatomia di un delitto, sarà proposto in pellicola 35mm e in lingua originale (con sottotitoli in italiano).

La programmazione cinematografica dell’Altrove – a cura di Laboratorio Probabile Bellamy – non finisce qui: venerdì 23 febbraio alle 21 si terrà la presentazione del documentario La lunga resistenza 1936-1945, di Italo Poma e Luciano d’Onofrio. I registi, presenti in sala, presenteranno una selezione degli oltre 220 minuti di filmati e interviste da loro raccolti che tracciano la storia dei 5.000 italiani accorsi a difendere la Repubblica Spagnola dal Nazifascismo, poi finiti a combattere nella Resistenza. La proiezione sarà accompagnata dal concerto del trio La Desbandà che ha raccolto nel CD “Al pueblo y a la flor” le canzoni cantate dai combattenti della Guerra Civile.

Sabato 24 Febbraio torna la fortunata formula del cineconcerto con una serata dedicata a due grandi scrittori prestati alla regia: Samuel Beckett e Jean Genet, qui autori degli sconvolgenti mediometraggi Film (1964, diretto da Beckett con Buster Keaton) e Un Chant d’Amour (1950, diretto da Genet e censurato dalla critica di allora). Entrambi i film saranno sonorizzati dal vivo dal Collettivo Wurtz, già artefice di fortunate colonne sonore in presa diretta. Sul palco Tommaso Rolando, Alessandro Bacher, Rocco Spigno e Agostino Macor.

I titoli della rassegna

LUN 19 FEBBRAIO
18.30 > IL SOSPETTO (1941)
21.15 > VERTIGO (1958)

LUN 26 FEBBRAIO
18.30 > IL LADRO (1956)
21.15 > LA FINESTRA SUL CORTILE (1954)

LUN 5 MARZO
18.30 > L’OMBRA DEL DUBBIO (1943)
21.15 > NODA ALLA GOLA (1948)

LUN 12 MARZO
18.30 > IL DELITTO PERFETTO (1954)
21.15 > L’UOMO CHE SAPEVA TROPPO (1956)

LUN 19 MARZO OMAGGIO A OTTO PREMINGER
18.30 > L’UOMO DAL BRACCIO D’ORO (1955)
21.15 > ANATOMIA DI UN DELITTO (1959)

EVENTI COLLATERALI

SAB 24 FEBBRAIO/ CINECONCERTO DEL COLLETTIVO WURTZ
17.30 > NOT FILM di Ross Lipman
21.30 > FILM di S. Beckett e UN CHANT D’AMOUR di J. Genet

Ultima revisione articolo: