Anche a Spotorno sarà possibile aderire al sostegno per l’Inclusione attiva

Anche a Spotorno sarà possibile presentare domanda per richiedere il S.I.A., il Sostegno per l’Inclusione Attiva. Lo conferma Davide Delbono, Assessore ai Servizi alla Persona del Comune di Spotorno.

offerteibslibri

Il S.I.A., spiega, «è una nuova forma di aiuto, previsto dal decreto interministeriale del 26 maggio 2016, a favore delle famiglie in difficoltà che possono accedere presentando domanda presso i Servizi Sociali del Comune Attraverso il Sostegno per l’Inclusione Attiva verrà erogato un contributo di 80 euro mensili per ogni membro del nucleo familiare, sino a un massimo di 400 euro a famiglia. Il contributo è subordinato al rispetto di diversi requisiti e alla sottoscrizione di un progetto che è volto al reinserimento sociale e lavorativo».

«Come si può leggere sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – continua l’Assessore Delbono – il progetto viene costruito insieme al nucleo familiare sulla base di una valutazione globale delle problematiche e dei bisogni e coinvolge tutti i componenti, instaurando un patto tra servizi e famiglie che implica una reciproca assunzione di responsabilità e di impegni. Le attività possono riguardare i contatti con i servizi, la ricerca attiva di lavoro, l’adesione a progetti di formazione, la frequenza e l’impegno scolastico, la prevenzione e la tutela della salute. L’obiettivo è aiutare le famiglie a superare la condizione di povertà e riconquistare gradualmente l’autonomia».

La richiesta del beneficio viene presentata da un componente del nucleo familiare al Comune mediante la compilazione di un modulo (predisposto dall’Inps) con il quale, oltre a richiedere il beneficio, si dichiara il possesso di alcuni requisiti necessari per l’accesso al programma. Verificati i requisiti, il Comune trasmetterà la domanda all’INPS e inizierà una fase istruttoria.

«Una volta terminati i controlli, via posta, verrà comunicato al cittadino la modalità per il ritiro della Carta SIA. Infine, il Comune, in coordinamento con l’Ambito territoriale, predisporrà il progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa. Ringrazio il personale dei Servizi Sociali – conclude l’Assessore Delbono – per il lavoro svolto e per aver attivato questo nuovo importante servizio.

Ultima revisione articolo: