Savona, Commissione comunale annullata e M5S all’attacco del Pd: “sono allo sbando”

“L’annullamento della Commissione di oggi, in cui era prevista la Savona Palazzo del Comunediscussione delle delibere che avrebbero ampliato la compagine societaria di ATA di ben 11 comuni, 9 nella provincia di Imperia, più Erli e Zuccarello, è la dimostrazione lampante che il sindaco Berruti non ha più una maggioranza stabile. Qualche consigliere di maggioranza, forse perché ormai in conclusione di mandato, inizia finalmente ad ammettere che l’espansione territoriale da parte della società partecipata ATA è contraria agli interessi dei savonesi?”.

Così sostiene il MoVimento 5 Stelle Savona, che prosegue: “Il continuo ampliamento di ATA, basato su piccoli comuni che acquisiscono quote azionarie irrisorie, col solo fine di poter affidare direttamente il servizio di raccolta, pratica che noi continuiamo a ritenere illegittima, va a gravare negativamente sui servizi che la società partecipata offre ai cittadini. ATA utilizzerebbe gli introiti derivanti dai nuovi affidamenti per cercare di sanare temporaneamente il bilancio senza riuscire a garantire qualità ed efficienza nel servizio. Il continuo peggioramento dei servizi di spazzamento strade e raccolta rifiuti è evidente a tutti i savonesi che, lo ricordiamo, sono soci all’85% della società”.

“Come anche accennato dalla dirigenza di ATA durante il recente consiglio monotematico, è evidente il tentativo della società partecipata di allargarsi a macchia di leopardo sul territorio provinciale e zone limitrofe per accreditarsi a gestore unico, “imponendosi” così di fatto anche nei Comuni che hanno scelto di non avvalersi dei servizi offerti da ATA, evidentemente ritenuti scadenti o non convenienti”.

“Il PD savonese e la dirigenza di ATA hanno scambiato l’offerta di un servizio fondamentale con una partita di Risiko, il che è decisamente desolante e non ha nulla a che vedere con una gestione efficiente ed economica del servizio di raccolta rifiuti. I cittadini di Savona si trovano costretti a pagare tariffe sempre più alte per avere in cambio servizi sempre più scadenti”. “Per garantire efficienza ed economicità, ATA deve garantire in ogni comune a cui offre i propri servizi, le risorse necessarie allo svolgimento del servizio in maniera autonoma, con mezzi dedicati e personale in loco, utilizzando esclusivamente le entrate derivanti da ogni singolo affidamento, senza andare a gravare sugli altri comuni”, conclude la nota del MoVimento 5 Stelle Savona.