Savona: la Camera di Commercio premia le imprese “amiche delle donne”

Savona. Conciliare vita familiare e lavorativa è, per le donne, donne manager generica G00un’impresa. Complicata da affrontare se l’impegno personale non è affiancato da una politica aziendale positiva nei confronti del lavoro femminile, che va portata ad esempio e sottolineata per incentivarne la diffusione. Il Comitato per l’Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Savona ha avvertito questa esigenza, promuovendo la predisposizione, d’intesa con la Consigliera di parità di Savona, di una “Raccolta di buone prassi di genere”, ovvero dei modelli organizzativi e degli strumenti attivati dalle aziende della provincia per rendere meno faticosa la “doppia vita” delle donne che lavorano. L’iniziativa si è concretizzata con un bando aperto alle imprese “amiche delle donne”, invitandole a segnalare le azioni che hanno intrapreso per “facilitare” l’occupazione femminile.

Le buone prassi possono consistere in iniziative volte alla conciliazione dei tempi di vita-lavoro di uomini e donne (concessione contratti part-time su richiesta, concessione aspettativa per paternità, orario flessibile, banca ore, convenzioni/voucher per servizi familiari, etc.), nell’assunzione di personale femminile, in politiche formative e nella possibilità data alle lavoratrici di progredire e qualificarsi in ambito lavorativo. “La raccolta delle buone prassi – spiega la presidente del Comitato per l’Imprenditoria Femminile di Savona, Annamaria Torterolo – è un modo utile per fare sapere che esistono soluzioni organizzative per le donne lavoratrici messe in pratica dalle imprese del territorio. Si tratta di pratiche come orari flessibili, part time ma rivolte ad un coinvolgimento più attivo delle donne nelle imprese”.

Giovedì prossimo, 17 dicembre, alle 16, a conclusione dei lavori del Consiglio Camerale, il presidente della Camera di Commercio, Luciano Pasquale, e la presidente del CIF, Annamaria Torterolo, consegneranno un attestato di “Impresa responsabile buone prassi di genere” alle aziende che hanno partecipato al bando 2015. I nominativi, le immagini e il repertorio di esperienze delle imprese virtuose saranno inserite nella Galleria Web delle Buone Prassi attraverso il sito camerale e diffuse attraverso i mezzi di comunicazione.