Microimpresa al centro dello sviluppo economico della Liguria

«Le cifre presentate oggi dall’assessore allo Sviluppo economico Luca Costi Confartigianato LiguriaEdoardo Rixi dimostrano che la Regione è decisa a puntare soprattutto sulla micro e piccola impresa per lo sviluppo del proprio territorio. Impresa che deve essere linfa vitale del nostro territorio e deve essere adeguatamente supportata dalle istituzioni e incentivata a creare nuovo lavoro e occupazione», commenta così Luca Costi, segretario regionale di Confartigianato Liguria, la presentazione degli interventi attuati, attraverso il programma Por-Fesr, a favore delle imprese della regione da parte dell’assessore Rixi.

Interventi che hanno toccato soprattutto il tessuto della microimprenditoria, con misure a favore dell’innovazione, dell’aggregazione di impresa e della prevenzione dei rischi alluvionali attraverso soluzioni tecnologiche (in particolare con la riapertura di tre bandi per le richieste di danni subiti nel 2013 e nel 2014 che hanno consentito di risarcire 150 aziende). Ma anche a sostegno delle botteghe dei piccoli borghi in un’ottica di rilancio dell’entroterra.

«Attendiamo ora la rapida approvazione delle misure annunciate dall’assessore Rixi a favore soprattutto del settore artigiano – dice Costi – in primis la nuova delibera su Artigiancassa, con l’abbattimento dei tassi di interesse e dei costi delle garanzie, necessaria per ridare ossigeno alle realtà produttive della nostra regione e i nuovi incentivi per le imprese che investono in innovazione, all’interno della nuova programmazione comunitaria».

Ultima revisione articolo: