Alassio partecipa alle Giornate Europee del Patrimonio

La Città di Alassio partecipa alle Giornate Europee del Patrimonio, manifestazione cui aderisce il Ministero dei beni e delle attività culturale promossa nel 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea con l’intento di potenziare e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le Nazioni europee. La manifestazione avrà luogo sabato e domenica 19-20 settembre 2015 e riguarderà tutti i luoghi della cultura statali, compresi archivi e biblioteche, con costi di ingresso e adattamenti negli orari variabili da istituto a istituto.

“In occasione dell’atteso evento internazionale, al quale la nostra Città prende parte ogni anno con grande entusiasmo, questo fine settimana l’Assessorato alla Cultura del Comune di Alassio e la Biblioteca Civica hanno previsto una serie di importanti iniziative a sfondo culturale, con ingresso libero e visite guidate in due luoghi alquanto rappresentativi del patrimonio alassino, la Pinacoteca ‘Levi’ e la Memorial Gallery, due fiori all’occhiello della Città”, spiega Monica Zioni, Vice Sindaco di Alassio con delega alla Cultura.

Nell’area tematica “La cultura è il cuore dell’Europa”, nel dettaglio, la Pinacoteca “Levi”, situata nel Palazzo Morteo in Via Gramsci, ospita 22 tele del maestro di proprietà della Fondazione a lui dedicata, oltre a scritti, fotografie ed oggetti relativi a Carlo Levi e ai suoi soggiorni alassini; la Richard West Gallery, sita in Viale Hanbury 17, ospita 76 tele del pittore irlandese e viene considerata la più ampia e significativa collezione di dipinti del maestro, coprendo un arco di tempo che va all’incirca dal 1880 alla sua morte avvenuta nel 1905. Oltre all’interesse squisitamente artistico, i quadri di Richard West, sono apprezzati anche da coloro che in essi ritrovano la testimonianza di una Alassio o più in generale di una Riviera Ligure, nei paesaggi, nei costumi, nelle scene di vita, ormai inesorabilmente perduta. Nello stesso edificio è ospitata anche la English Library, nata nel 1878 e che conserva oggi oltre 14.000 volumi, per la maggior parte pubblicati tra il 1800 e il 1940, che spaziano dalla letteratura all’arte, dalla storia alla geografia, ai racconti di viaggio e ne fanno una delle più importanti biblioteche di lingua inglese in Italia.

Dunque, porte aperte a ingresso libero con visita guidata dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18, nelle giornate di sabato e domenica: “Si tratta di un’occasione unica, da non perdere, di altissimo interesse tanto per i residenti quanto per i visitatori che, anche al termine della stagione estiva, continuano ad affollare il nostro territorio”, conclude il Vice Sindaco Zioni.