Al Museo Navale di Albenga, “Lezioni di archeologia ingauna”

Venerdì 18 settembre prossimo, con inizio a partire dalle ore 18, Albenga Isola Gallinara fpB1 Gnuovo appuntamento delle “Lezioni di archeologia ingauna” nelle sale del Museo Navale di Albenga. Le relazioni verteranno su i due grandi relitti di età repubblicana scoperti al largo di Albenga (i relitti “Albenga A” e “Albenga B”) con approfondimenti sul loro carico e sulla tecnica di costruzione navale, sulle ancore e cannoni recuperati dai fondali della Liguria di Ponente e sui resti e la storia della città romana di Albingaunum.

L’iniziativa, promossa dalla Soprintendenza Archeologia della Liguria, vede la virtuosa collaborazione di vari Enti, – Comune di Albenga, l’Ufficio Circondariale Marittimo Loano-Albenga della Capitaneria di Porto, il Servizio Tecnico per l’Archeologia Subacquea del MIBACT e la Sezione Ingauna dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri che ospita il ciclo di lezioni – e l’intervento di qualificati relatori appartenenti a diversi enti ed istituzioni: Marta Conventi e Simon Luca Trigona della Soprintendenza Archeologia della Liguria, Daniela Gandolfi dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri-CSAS, Gianni Ridella e Fabrizio Ciacchella del NavLab dell’Università degli Studi di Genova.

Le lezioni, che comprendono anche una visita guidata alle sale del Museo Navale, primo museo italiano di archeologia subacquea, si inseriscono nel progetto “Per un parco archeologico subacqueo di Albenga-Isola Gallinaria”, destinato alla organizzazione e regolamentazione del turismo subacqueo sui giacimenti dei fondali albenganesi e sono rivolte in primo luogo agli accompagnatori subacquei, che dovranno gestire le immersioni sui relitti, ma aperte al pubblico e a tutti gli appassionati.

Nelle giornate del 18-20 settembre sono previste immersioni straordinarie sul relitto “Albenga A” e sul relitto delle “Ardesie” nelle acque dell’Isola Gallinaria (per info : www.isolagllinara.it).