A Verezzi da venerdì sarà in scena Maigret, con Paola Gassman e Pietro Longhi

di Laura Sergi – Eccoci giunti al quarto evento del 49° Festival di PIETRO-LONGHIBorgio Verezzi: ‘Maigret al Liberty Bar’ di Georges Simenon, adattamento e traduzione di Silvio Giordani, anche regista. Paola Gassman, Pietro Longhi e Miriam Mesturino calcheranno le scene di piazzetta Sant’Agostino venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 luglio (inizio alle 21.30). Con loro: Pierluigi Bresolin, Paolo Perinelli, Geremia Longobardo e Alessandro Loi. Sotto le musiche delle sigle degli sceneggiati televisivi (Luigi Tenco e Tony Renis), in prima nazionale assoluta ci sarà a Borgio il famoso commissario francese che Gino Cervi sapeva interpretare così bene; come scrive il direttore artistico della rassegna, Stefano Delfino, ‘ancor prima di chiedere il patrocinio all’Institut Français di Cultura e di dedicare la 49ma edizione alla Francia’, ci fu l’accordo con Longhi per il debutto del progetto nella famosa Piazzetta, location ideale per portare su un palco teatrale, per la prima volta in Italia, una storia di Maigret. Le scene saranno di Mario Amodio e i costumi di Adelia Apostolico.

Sarà un’esperienza strana, quella che vivrà il celebre commissario, che cercherà di capire chi possa aver assassinato Mister Brown, e quale fosse la sua doppia vita, visto che trascurava la Costa Azzurra per passare il suo tempo nel retrobottega del Liberty Bar. Conoscerà Jaja (la Gassman), una donna passionale e fragile, piena di rimpianti, che nelle sue ubriacature cerca un po’ di felicità, e conoscerà anche la giovane Sylvie (la Mesturino), prostituta in quel piccolo nirvana privato messo su dalla padrona del Liberty Bar e da Mister Brown.
Pietro Longhi e Miriam Mesturino (con altri del cast) lo scorso anno furono al festival per ‘La luna degli attori’ di Ken Ludwig, gradevole commedia con Paola Quattrini, e il loro è un gradito ritorno.

Ma Paola Gassman ci piace ricordarla non tanto ne ‘L’appartamento è occupato’ del 2007, ma in quell’indimenticabile ‘Urfaust’ di Goethe, al fianco di Ugo Pagliai: un evento meraviglioso che aprì il Festival 2005, tra i nostri titoli preferiti nella storia della Rassegna.

Nelle tre serate del ‘giallo’, la Gassman avrà anche un motivo in più per salire sul palco, visto che le è stato appena assegnato il 45° Premio Veretium, destinato all’attore o all’attrice che nella precedente stagione teatrale ‘si sia particolarmente distinto per impegno di testo e capacità di interpretazione’. La giuria dei critici ha valutato con estremo favore la sua parte in: ‘Soli per caso’, di David Norisco; ‘Corifee – Eumenidi’, secondo e terzo capitolo dell’Orestea di Eschilo; ‘Il balcone di Golda’ di William Gibson, in cui vestiva i panni di Golda Meir. A venerdì, quindi, con la prima di ‘Maigret’ (info: www.festivalverezzi.it).