Savona, ‘Il Barbiere di Siviglia’? C’erano tutti gli ingredienti per un’opera da ricordare per sempre, ma… – Ecco i prossimi appuntamenti al Priamàr del calendario dell’Opera Giocosa

di Laura Sergi – Qualche allusione c’era stata durante la Foto Barbiere_Credit Allopera-Milano (1)conferenza stampa di presentazione del calendario 2015 dell’Opera Giocosa: ‘Il Barbiere di Siviglia’ di Gioachino Rossini, al Priamàr di Savona ieri sera in seconda serata, sarebbe stato qualcosa di inaspettato, fuori dagli schemi. Sinceramente, però, non mi aspettavo che i desideri del regista Aldo Tarabella sarebbero riusciti a penetrare così tanto sulle partiture…

Cominciamo subito col dire quello che mi è piaciuto: la scenografia dei mille vicoli spagnoli di Napoli, con i panni stesi alle finestre, che non ha fatto rimpiangere la nostra Torretta dell’esordio 2004 in Fortezza; l’Orchestra e Coro AllOpera di Milano (diretta dal Maestro Daniele Agiman); le voci del cast… Quest’ultima cosa, la più importante, in un’opera! Credo che mai abbiamo avuto nella nostra Arena il cento per cento di bellissime voci, iniziando dalla meravigliosa Rosina di Sopio Koberidze per arrivare al Fiorello di Lorenzo Malagola Barbieri.

C’erano tutti gli ingredienti per un’opera da ricordare per sempre… ma solo la protagonista è stata risparmiata dai desideri del regista, che ha ricreato nell’opera siparietti di avanspettacolo e di scenette napoletane, dove anche Berta (Mirella Di Vita) ha avuto il suo momento di gloria come un’attrice di cabaret. Ma ‘Il Barbiere di Siviglia’ è un’opera buffa di per sé, senza bisogno di esagerazioni…
Il pubblico, lungi dal condividere questo mio pensiero, ha tributato grandi applausi a tutti, ed era viva la soddisfazione a fine serata anche di Mauro Bonfanti (Figaro), Ricardo Mirabelli (conte di Almaviva), Giuseppe Esposito (Don Bartolo) e Costantino Finucci (Don Basilio). Scene e costumi di Leila Fteita, Nuova Produzione del Teatro dell’Opera Giocosa in collaborazione con AllOpera di Milano e il Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena.

Per il nuovo evento della stagione lirica estiva del nostro Teatro di Tradizione occorre attendere venerdì 17 luglio (ore 21.30); a Savona giungeranno Silvia Viscardini (in arte Nair) e l’Orchestra Sinfonica di Sanremo per: ‘Nair canta il Musical’, con musiche tratte dai più famosi musical di Broadway. Direttore d’Orchestra sarà Andrea Mannucci.

Poi un momento di pausa, sino a mercoledì 29 luglio (stessa ora), per il Concerto: ‘Le quattro stagioni’, con le musiche di Antonio Vivaldi, sempre con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo e Ettore Pellegrino, Maestro Direttore e Solista.
Infine, chiusura della stagione estiva venerdì 31 luglio (sempre alle 21.30): nella nostra Arena ci sarà un ‘Concerto Sinfonico’ con l’Orchestra della Fondazione del teatro Carlo Felice di Genova, Maestro Direttore Maurizio Billi. A venerdì, quindi.

* Nella © foto AllOpera di Milano, le scene del ‘Barbiere di Siviglia’.