Guida di Varazze e volume Piccole Storie di Liguria: doppia presentazione a Varazze

Verranno presentati a Varazze, venerdì 3 luglio 2015 alle ore 21.00 Piccole storie Liguriapresso il Palazzo Beato Iacopo il volume “Piccole storie di Liguria, economia e popolazione di una comunità rivierasca nel secolo XIX” e la Nuova Guida di Varazze collegata all’App SVD. All’incontro, a cura della Marco Sabatelli Editore, interverranno, oltre all’autore Giuseppe Albezzano, l’assessore alla cultura di Varazze Mariangela Calcagno, l’editore Dario Sabatelli e il vice presidente della Società Savonese di Storia Patria Furio Ciciliot.
 Al termine dell’appuntamento sarà offerto un brindisi agli intervenuti.

La nuova Guida si prefigge di offrire una panoramica di quello che Varazze e i suoi dintorni possono offrire a chi sceglie questo comprensorio per le proprie vancanze ed è pubblicata in collaborazione con l’Ass. Albergatori e con l’Ente Parco del Beigua.

Nel libro viene descritta la vita economica della comunità e i suoi riflessi sulla popolazione. Tipologie e tecniche di coltivazione, rese dei prodotti agricoli, usi agricoli, alimentazione e malattie, allevamento del bestiame, caratteristiche della pesca varazzina sono esaminati in maniera dettagliata e approfondita. Come pure l’evoluzione industriale della cittadina, dalle tradizionali cartiere ai cantieri navali e al loro indotto, alle fabbriche di biacca, alle corderie, al cotonificio. Senza dimenticare l’artigianato, il commercio, i trasporti e la nascita del turismo verso la fine del secolo XIX.

Per quanto riguarda la popolazione, i dati arrivano fino ai giorni nostri. L’ammontare e lo stato della popolazione, il movimento naturale, i quozienti di natalità, mortalità, nuzialità mettono in evidenza le relazioni tra economia e popolazione e i profondi cambiamenti intervenuti nel tessuto socio-economico e culturale di Varazze. Ma non mancano informazioni sulle malattie e sulle epidemie che colpirono i varazzini nel secolo XIX e sulla mortalità infantile. E accanto ai rimedi della medicina ufficiale, vedremo quali furono quelli messi in campo dalla medicina popolare del tempo. L’indagine sulla popolazione non poteva tralasciare, infine, il fenomeno dell’emigrazione di massa che, a partire dalla seconda metà dell’Ottocento e in seguito alla crisi dell’agricoltura e della cantieristica, caratterizzò profondamente la società varazzina: intere famiglie lasciarono Varazze per dirigersi verso le Americhe. E a proposito di famiglie emigrate, seguiremo la piccola storia della prima famiglia di Varazze che si stabilì in Argentina.

Ma non unicamente il secolo XIX viene preso in considerazione. All’interno di qualche capitolo del libro viene gettato uno sguardo sui secoli anteriori per chiarire e/o approfondire alcuni aspetti dell’economia e della società varazzina.

La pubblicazione, in sostanza, costituisce un buon punto di partenza per la conoscenza di una comunità rivierasca colta in una delicata fase di trasformazione delle sue strutture sociali ed economiche.