Fionda di legno 2015: la Fionda dei Fieui a Fiorella Mannoia

Dopo Milena Gabanelli nel 2011 sarà nuovamente una donna a ricevere Bandiera Mannoiadalle mani di Antonio Ricci il premio Fionda di legno 2015, riconoscimento assegnato ogni anno dai Fieui di caruggi di Albenga “a chi nella vita ha saputo… tirare buone fiondate”.

“Questa primavera – dice Gino Rapa portavoce dei fieui – Albenga ospiterà un grande evento in rosa: il giro d’Italia. Ci è parso bello che anche la fionda si tingesse di rosa, anche se pensando a Fiorella Mannoia sarebbe forse più giusto dire… di rosso fuoco!”. La cerimonia di consegna avrà luogo al teatro Ambra, nel cuore del centro storico ingauno venerdì 10 aprile alle ore 20,45 e già si preannuncia un tutto esaurito.

Fiorella Mannoia è una delle più grandi interpreti musicali italiane, con una personalità forte e spiccata, il controcanto di una canzone d’autore storicamente identificata al maschile. Tra i testi da lei portati al successo molta attenzione alle problematiche dell’universo femminile. E non a caso i fieui nel pubblicizzare l’evento sottolineano l’importante presenza ad Albenga dello Sportello Antiviolenza “Artemisia Gentileschi”. Ma le motivazioni della Fionda alla Mannoia sono più profonde e riguardano in particolare il suo impegno sociale e civile.

“Prima ancora che l’artista famosa e straordinaria – sottolineano i fieui – premiamo la donna e la cittadina, la sua coerenza e la sua onestà intellettuale”. “In effetti Fiorella Mannoia ha spesso usato il palco e il microfono per denunciare le ingiustizie del mondo moderno, consapevole che la storia non è proprio quella che ci hanno raccontato. È sempre stata in prima linea nel dare voce ai più deboli e nella difesa dei popoli derubati, saccheggiati,tenuti lontani dal progresso e abbandonati a loro stessi”. Il suo sostegno a Emergency ha proprio questo valore e significato.

“Di lei – aggiungono i fieui – apprezziamo la partecipazione ad eventi benefici, come quelli in favore delle popolazioni dell’Emilia e dell’Abruzzo dopo il terremoto, e l’attenzione sempre rivolta ai giovani, ad alcuni dei quali ha permesso di realizzare i propri sogni. E poi crede e spera, proprio come noi, in una politica basata sul confronto e sull’onestà con rappresentanti dei cittadini di cui non doversi vergognare”.
Insomma pare che anche questa volta la Fionda abbia fatto centro.

VINCITORI DELLE EDIZIONI PRECEDENTI – 2007: Antonio Ricci; 2008: Enrique Balbontin, Andrea Ceccon, Fabrizio Casalino; 2009: Fabrizio De Andrè (alla memoria ritirata da Dori Ghezzi); 2010: Paolo Villaggio; 2011: Milena Gabanelli; 2012: Roberto Vecchioni; 2012 bis: Don Andrea Gallo; 2013: Carlìn Petrini – Slow Food; 2014: Don Antonio Mazzi – Fondazione Exodus

Ultima revisione articolo: