Costi (Confartigianato Liguria), “Per un orientamento più vicino al lavoro”

“#Orientamento più vicino al lavoro: sfruttiamo #fse20142020 e puntiamo su #alternanzascuolalavoro.” e “#orientamento: nella scuola non esistono serie A e serie B.”
Luca Costi Confartigianato LiguriaSono questi i tweet che ha lanciato Luca Costi, segretario di Confartigianato Liguria poco prima di intervenire in modo deciso e concreto alla seconda Conferenza regionale degli Operatori dell’Orientamento, che si è svolta questa mattina al Palazzo della Borsa di Genova.

«Dobbiamo impegnarci – spiega Costi – per avvicinare sempre più l’orientamento al mondo del lavoro e per far questo è necessaria innanzitutto un’azione culturale, come testimoniano i recenti dati sulle iscrizioni. Un’azione da rivolgere non solo ai ragazzi, ma prima di tutto ai genitori: non esiste una scuola di serie A, composta da licei, e una scuola di serie B, composta da istituti tecnici e professionali. Il rischio è quello di veicolare un messaggio sbagliato, che porta a un “orientamento” fuorviante verso i nostri giovani, a prescindere dalla richiesta del mercato del lavoro».

E sull’integrazione tra istruzione, formazione professionale e lavoro, il segretario di Confartigianato Liguria spiega: «La cosiddetta “alternanza”, cioè l’esperienza sul campo in un’impresa durante il percorso scolastico e formativo, deve diventare obbligatoria per tutti i settori, ma dobbiamo incentivarne l’utilizzo da parte delle imprese anche semplificando le procedure».
«Abbiamo l’opportunità – conclude Costi – di avere importanti risorse nella nuova programmazione Por/Fse 2014-2020 e riteniamo che vadano rivolte in questa direzione e verso una sperimentazione del “sistema duale” di origine tedesca, se interverranno modifiche legislative nella “buona scuola”».