Teatro in movimento: presentata “La Riviera dei Teatri – Provincia di Savona”

Le città della costa e dell’entroterra savonese tornano ad essere protagoniste nel circuito di promozione teatrale “La Riviera dei Teatri – Provincia di Savona”. Il circuito di promozione teatrale, nato 18 anni fa, è promosso dalla Provincia di Savona e coordinato dall’Associazione Musicae, con il contributo della Fondazione “A. De Mari”.

RobertoMichels

Otto comuni – Alassio, Albenga, Cairo Montenotte, Finale Ligure, Ortovero, Pietra Ligure, Quiliano e Vado Ligure – aderiscono al circuito e promuovono un unico cartellone teatrale di 49 spettacoli per gli adulti e 25 rappresentazioni dedicate ai bambini e ai ragazzi.

Il cartellone della stagione per gli adulti punta, ancora una volta, su tre elementi: la varietà delle proposte teatrali che vanno incontro ai differenti gusti del pubblico; l’equilibrio tra grandi nomi e talenti emergenti; l’utilizzo delle tante sale teatrali presenti sulla costa e nell’entroterra savonese che permette di offrire un cartellone diffuso sul territorio.

La stagione 2014/2015 prende il via il 16 novembre e si concluderà il 30 maggio offrendo spettacoli che spaziano dalla prosa classica al teatro leggero, dalla drammaturgia contemporanea al musical, dal teatro canzone a quello di narrazione.

Il ricchissimo programma è impreziosito dai due spettacoli de “La Riviera dei Teatri – Solidale”, in programma quest’anno a Ortovero e Quiliano-Vado Ligure. Il Teatro Casone di Ortovero ospita il concerto “…I nostri cantautori…” con gli Alternando e la Compagnia Stabile di Alassio. La serata si propone di raccogliere fondi per la locale Associazione “Il Volo della Gabbianella”. Anche nel Teatro Nuovo di Valleggia la musica è protagonista con “Fuoco e mitragliatrici”, spettacolo presentato da I Liguriani.

Anche quest’anno gli appassionati che intendono abbonarsi a più di una rassegna godono di tariffe ridotte.  Ed ecco il programma presentato per città

Alassio presenterà nel suggestivo scenario dell’ex Chiesa Anglicana un cartellone di dieci spettacoli.
4.alassio 14dicembreAmadeusA inaugurare la nuova stagione teatrale sarà la commedia dal tema mitologico “La mia odissea” (16 novembre) scritto e interpretato da Marina Thovez, che sarà sul palco insieme a Mario Zucca, Cristina Renda, Federico Palumeri, Patrizia Scianca, Davide Farronato, Gianni Bissaca, Antonio Paiola.
La rassegna proseguirà con la divertente commedia inglese “Sinceramente bugiardi” (28 novembre) di Alan Ayckbourn, con Debora Caprioglio, Lorenzo Costa, Federica Ruggero e Fabio Fiori.
Il 6 dicembre Paola Quattrini sarà la protagonista di “Oggi è già domani” nella versione italiana di Jaia Fiastri, diretta da Pietro Garinei e accompagnata dalle musiche di Armando Trovajoli, con canzoni di Serena Autieri.
Il sipario si alzerà poi su “Amadeus” (14 dicembre) testo drammaturgico scritto dal britannico Peter Shaffer, interpretato da Tullio Solenghi nel ruolo di Salieri e Aldo Ottobrino in quello di Mozart.
Il 28 dicembre, l’Anglicana ospiterà “Aenigma”, spettacolo nato da una idea di Lorenzo Beccati, scritto a due mani con Antonio Casanova. Il coinvolgente thriller  sarà interpretato da Desi Frascari, Valentino e Stefano Stignani, Charlotte Larsen e Legadon Reinard.
“La verità, sull’amore” la racconterà l’8 gennaio Agata Nerelli, nello spettacolo scritto e diretto da Nicoletta Bracco.
La stagione teatrale alassina accoglierà poi uno dei testi più famosi e dissacranti di Dario Fo e Franca Rame, “Coppia aperta, quasi spalancata” (30 gennaio), interpretata da Antonio Salines, Francesca Bianco e Carlo Emilio Lerici.
Il 3 febbraio andrà in scena “La pugna e la pipa”, un racconto brillante a due voci, quelle di Alessandro Pilloni e Andrea Santonastaso, che faranno rivivere l’avventura azzurra in Spagna, in occasione dei campionati mondiali di calcio del 1982 vinti dall’Italia di Bearzot.
Andrà poi in scena, il 21 febbraio, “Vecchia sarai tu!” di e con Antonella Questa, autrice insieme a Francesco Brandi di uno spettacolo comico che esorcizza la paura di invecchiare.
La stagione teatrale di Alassio si chiuderà con la produzione del Teatro Ingaunia “L’uomo che non attraversava la strada” (9 marzo) di Maurizio Pupi Bracali. Il racconto di una situazione seria e per certi versi addirittura triste, narrata in maniera simpatica e brillante, vedrà interpreti Mario Mesiano, Leo Di Bello, Sabrina Bonanato, Gianmario Mesiano.

Sono quattordici gli spettacoli che Albenga propone nel Cinema Teatro Ambra, intrecciando la commedia con la drammaturgia contemporanea.
10.albengaingaunia17marzoLadro di Razza dapportoA dare il via alla stagione teatrale sarà il 12 dicembre lo spettacolo “È bello vivere liberi!” di e con Marta Cuscunà, ispirato alla biografia di Ondina Peteani, prima staffetta partigiana d’Italia, deportata ad Auschwitz.
Il 23 gennaio andrà in scena “Io Fiordipisello”, un lavoro teatrale dell’Accademia degli Artefatti, tratto dal “Sogno di una notte di mezza estate” e parte di un più ampio progetto su 5 personaggi shakespeariani che raccontano e rivivono al di fuori dell’opera.
Alessandro Benvenuti e Barbara Valmorin il 27 gennaio saranno i protagonisti di “Zietta ed io” (Auntie and me) di Morris Panych, una pièce nera, divertente, crudele e comica sul tema della solitudine.
La rassegna teatrale proseguirà con una esilarante commedia “Il matrimonio può attendere” (12 febbraio) con Diego Ruiz e Francesca Nunzi che daranno vita ad un feroce scontro sui rapporti di coppia, sul matrimonio e sui piccoli grandi interrogativi dei quarantenni.
Nathalie Caldonazzo sarà la protagonista femminile della commedia esilarante “Facciamo un sogno” (16 febbraio) di Sacha Guitry, ambientata negli anni Trenta. Con lei sul palco Giorgio Caprile e Alessandro Marrapodi.
Il 20 febbraio il Teatro Ambra accoglierà “Be legend!”, prima tappa di Daimon Project, percorso di ricerca sul tema della “vocazione” che il Teatro Sotterraneo, collettivo di ricerca fiorentino tra i più accreditati a livello nazionale e internazionale, sta sviluppando attraverso spettacoli, performance e laboratori. In scena Sara Bonaventura e Claudio Cirri.
Sarà portata in scena, poi, la commedia divertente “Ciò che vide il maggiordomo” (23 febbraio) di Joe Orton, un susseguirsi di imbarazzanti, tentativi di seduzione, scambi d’identità e scomparse improvvise che conducono gli attori Luca D’Angelo, Riccarda Realini, Valentina Ferraro Patrick Damasco, Giovanni Bortolotti, Davide Diamanti verso un finale quasi shakespeariano spiazzante e assurdo.
Il cartellone ingauno proseguirà, il 3 marzo, con la commedia brillante “Alla stessa ora il prossimo anno” di Bernard Slade con protagonisti Marco Columbro e Gaia De Laurentiis.
Il 6 marzo il sipario si alzerà su “Genesi Quattrouno” diretto e interpretato da Gaetano Bruno e Francesco Villano. Un lavoro che trae ispirazione dalla vicenda biblica di Caino e Abele riportata nella Genesi (capitolo 4, versetto 1) per proporre una riflessione sulla fratellanza e sul conflitto legato alla prossimità.
Il rastrellamento degli ebrei nel ghetto di Roma da parte dei nazisti nel 1943 è il tema di fondo di “Ladro di razza”, la commedia di Gianni Clementi che andrà in scena il 17 marzo e che vedrà interpreti Massimo Dapporto, Susanna Marcomeni e Blas Roca Rey.
Uno spettacolo tutto al femminile, firmato da Enzo Iacchetti sarà in programma il 23 marzo. “Questa sera cose turche” di Giorgio Centamore è una spiritosa e frizzante commedia dove a fare da protagonisti sono i dialoghi, le esperienze e le angosce di tre personaggi femminili interpretati da Rossana Carretto, Pia Engleberth, Alessandra Sarno.
Il palcoscenico ospiterà il 31 marzo “Lo splendore dei supplizi” di e con Licia Lanera e Riccardo Spagnulo e con Mino Decataldo. Lo spettacolo della Compagnia Fibre Parallele è un viaggio catartico attraverso quattro storie contemporanee di supplizio quotidiano.
Il 24 aprile, Danio Manfredini con lo spettacolo “Tre studi per una crocifissione” racconterà, ispirandosi all’opera pittorica di Francis Bacon, tre storie di tre personaggi del nostro tempo.
Chiuderà la stagione di Albenga “Pater Familias” (8 maggio) di Fiammetta Carena, una produzione di Kronoteatro che indaga sul rapporto tra generazioni e sulla ferocia e il richiamo all’omologazione che viene esercitato dal gruppo.

La stagione teatrale di Cairo Montenotte entrerà nel vivo il 10 gennaio con lo spettacolo “Decalogo Parte I – Comandamenti dal I al V”, 2.cairo26febbraioTHAT'S_AMORE_un lavoro drammaturgico che ha debuttato in prima assoluta nel programma ufficiale del Festival Dei Due Mondi di Spoleto 2013 e che ha la sua fonte d’ispirazione nell’opera cinematografica del regista polacco Krzysztof Kieslowski.
Il Teatro Città di Cairo Montenotte accoglierà, poi, l’ultima fatica di Marco Cavallaro, “That’s Amore” (26 febbraio) una esilarante commedia musicale con Claudia Ferri e Marco Maria Della Vecchia, che racconta una favola moderna sul precariato, le nuove tecnologie e l’amore.
“Salvo d’acquisto: un eroe semplice” è la storia di un giovane vicebrigadiere che decide di accusarsi di un attentato non commesso e consegnarsi alle SS per evitare l’uccisione di 22 civili innocenti. A raccontarla il 13 marzo saranno Giuseppe Abramo, Ottavia Orticello e Paolo Ricchi, diretti dallo stesso autore del testo teatrale Emanuele Merlino.
Il 23 aprile andrà in scena “Sani da legare”, commedia di un atto che trae spunto dalle dipendenze dai nuovi strumenti di comunicazione. È scritta e diretta da Paolo Gatti che ne sarà anche interprete insieme a Pierre Bresolin, Alessandra Cosimato, Sara Adami e Davide Grillo.
“La fine di tutte le cose” di Alessandra Schiavoni segnerà la chiusura della stagione teatrale di Cairo il 30 maggio. Protagonista del monologo a tratti divertente e a tratti commovente sarà Alessandra Frabetti, che stimolerà una riflessione sul disordine dei nostri tempi e le reali ricchezze dell’esistenza.

Sono due le sale scelte quest’anno da Finale Ligure per la stagione teatrale: l’Auditorium Santa Caterina e la Sala delle Udienze del Palazzo del Tribunale a Finalborgo.
1.finaleligure10gennaiochilometrozeroSi entrerà nel vivo della rassegna il 10 gennaio con “Chilometro zero”. Lo spettacolo di e con Pino Petruzzelli, in scena nel suggestivo Auditorium Santa Caterina, coinvolgerà e divertirà il pubblico al ritmo inarrestabile della sua recitazione e delle “Danze ungheresi” di Brahms.
Il 6 febbraio, la rassegna si sposterà nella Sala delle Udienze del Palazzo del Tribunale dove un ring da pugilato sarà il palcoscenico che accoglierà “Combattenti”, la storia di un uomo e di una donna con la passione per la boxe e una vita piena di sconfitte. Scritto da Renato Gabrielli sarà interpretato da Giorgio Branca e Lilli Valcepina.
La rassegna teatrale proseguirà nella Sala delle Udienze il 21 febbraio con “Rumbo al sur – Tango del ritorno” di Annapaola Bardeloni. Lo spettacolo – con arrangiamenti musicali di Stefan Gandolfo e Nicola Calcagno – è un viaggio nella storia del tango ma anche nella storia delle migrazioni italiane di fine Ottocento grazie alle quali la cultura italiana ha viaggiato ed è tornata a casa rinnovata.
A metà tra una commedia, uno stand-up e un monologo “Maledetto Peter Pan” di Michele Bernier e Marie Pascale Osterrieth con Michela Andreozzi chiuderà il 7 marzo la rassegna teatrale finalese. Lo spettacolo racconterà con ironia e comicità il dramma delle corna, quelle generate dalla pericolosissima “crisi di mezza età”, conosciuta anche come “Sindrome di Peter Pan”, una temibile patologia che colpisce gli uomini giunti alle soglie dell’età matura

Il cartellone di Ortovero spazierà tra musica, commedia e cabaret, dando spazio anche alla produzione teatrale de La Riviera dei Teatri Solidale.
2.ortovero19dicembre adamoe evaIl programma del Teatro Casone prenderà il via con “Un, due, tre…stello” (21 novembre), spettacolo teatral-musicale sull’amore di Nando Rizzo. In scena accanto al cantautore ci saranno Sabrina Bonanato, Nadia Mombrini, Alessandra Ardigò, Paolo Sanguineti.
Il 19 dicembre, andranno in scena “Le Tragicomiche Avventure di Adamo ed Eva”, una divertente pièce liberamente ispirata al “Diario di Adamo ed Eva” di Mark Twain, interpretata da Giorgia Brusco e Eugenio Ripepi.
Ortovero ospiterà poi “The J Phino Show” (16 gennaio), un irresistibile show in cui Gianfranco Phino proporrà al pubblico momenti di cabaret, musica, imitazione e monologhi.
La stagione teatrale proseguirà nel segno della comicità più travolgente con “Semi di Zucca” (6 febbraio) che Marina Thovez ha scritto per Mario Zucca. Sul palcoscenico faranno capolino una girandola di situazioni comiche e grottesche.
Il 20 febbraio sarà presente nella stagione di Ortovero “La Riviera dei Teatri Solidale” con la serata musicale “… I nostri cantautori…”. Il concerto, che si propone di raccogliere fondi per l’Associazione “Il Volo della Gabbianella”, vedrà protagonisti in chiave rigorosamente acustica, gli Alternando, interpreti di alcune delle più belle canzoni italiane. Lo spettacolo sarà arricchito dall’intervento degli attori della Compagnia Stabile di Alassio.
“Il borghese gentiluomo reloaded” , che sarà rappresentato il 20 marzo, nasce dall’idea di rivisitare il classico di Moliere in chiave commedia dell’arte italiana. Fiona Dovo, Andrea Benfante, Andrea Scarel, Ambra Giordano daranno vita ad una giostra di intrecci, ad un gioco nel gioco, al teatro nel teatro, che farà sorridere gli attori insieme al pubblico.
In un turbinio di equivoci “Il matrimonio perfetto” (17 aprile) di Robin Hawdon chiuderà la stagione di teatro ad Ortovero, regalando al pubblico grandi risate ma anche spunti di riflessione. La commedia brillante diretta da Carlo Deprati sarà interpretata da Monica Chiarione, Gianni Cepollini, Walter Meschiati, Fausta Odello, Paola Franco, Anna Maria Brancaleoni, Silvio Galliano.

Pietra Ligure presenterà quest’anno un cartellone che spazierà dalla commedia musicale al teatro comico, dalla drammaturgia contemporanea alla world music.
4.pietraligure9febbraioarlecchinoIl sipario si alzerà nel Teatro Comunale il 21 gennaio, quando andrà in scena “Ti amo, sei perfetto, ora cambia”, un esilarante musical comico scritto da Joe Di Pietro, con le musiche di Jimmy Roberts, interpretato da Stefania Fratepietro e Piero Di Blasio.
La stagione teatrale proseguirà con lo spettacolo musicale italiano più famoso e maggiormente rappresentato in Italia e all’estero: “Aggiungi un posto a tavola” (29 gennaio). Scritto da Garinei e Giovannini nel 1974 con Jaja Fiastri, torna nuovamente in scena, in occasione dei 40 anni dal debutto. Diretto da Fabrizio Angelini sarà interpretato dalla Compagnia dell’Alba in una versione assolutamente fedele all’originale degli anni Settanta.
I Birkin Tree presenteranno il 5 febbraio un concerto dedicato alla tradizione musicale irlandese: vivace musica da danza, romantiche ballate insieme ad un virtuosistico repertorio strumentale. Ospite della serata sarà Cyril O’Donoghue, cantante capace di creare suggestive ed emozionanti atmosfere.
Paolo Rossi sarà il protagonista di “Arlecchino” (9 febbraio), una commedia dell’arte odierna dove monologhi, canzoni in divenire, fatti personali, ricordi, sogni, storielle saranno lo spunto per riflettere sulla professione del comico e su ciò che accade oggi nel nostro Paese.
Il 26 febbraio sarà rappresentato “Un, due, tre…stello” (21 novembre), spettacolo teatral-musicale sull’amore di Nando Rizzo. In scena accanto al cantautore ci saranno Sabrina Bonanato, Nadia Mombrini, Alessandra Ardigò, Paolo Sanguineti.
La stagione teatrale di Pietra Ligure ospiterà il 12 marzo “L’uomo che non attraversava la strada” di Maurizio Pupi Bracali. Sul palcoscenico sarà raccontata la vita vissuta da un uomo dei nostri giorni con le sue paure, le sue false certezze e le sue contraddizioni. A dar vita al racconto serio, ma narrato in modo brillante e talvolta comico, saranno Mario Mesiano, Leo Di Bello, Sabrina Bonanato, Gianmario Mesiano.
Roberto Tesconi sarà l’interprete di “Le memorie di un pazzo” (2 aprile) di Nikolaj Vasil’evic Gogol, adattato e tradotto da Roberto Lerici. Scritto intorno al 1835, il testo è un piccolo capolavoro tracciato su un filo che collega realismo, romanticismo, ironia, osservazione della vita quotidiana e voli di fantasia.
Il 16 aprile Bianca Guaccero e Sergio Assisi insieme a Fabrizio Sabatucci e Giancarlo Ratti porteranno in scena la commedia “Oggi sto da Dio”, un divertente viaggio tra i difetti e le virtù degli italiani di oggi che chiuderà la stagione del Teatro Comunale di Pietra Ligure.

Quiliano e Vado Ligure hanno puntato sul teatro ragazzi, 4.quiliano20gennaiooraperonzolariservando agli adulti la serata musicale “Fuoco e mitragliatrici” (6 marzo) con I Liguriani. La nuova produzione del gruppo savonese trae il suo titolo da una delle più celebri canzoni popolari italiane legate al tema della prima guerra mondiale ed è un omaggio ai tanti ignoti e involontari “eroi” della Grande Guerra: contadini strappati dalle loro terre, studenti costretti ad interrompere gli studi, milioni di donne, madri, sorelle e vedove che si sono battute per la pace, per il pane, per il lavoro.

Ultima revisione articolo: