Società: come cambiano i rapporti tra nonni e nipoti?

Imaginarium, la catena spagnola specializzata nell’infanzia, presenta in Imaginarium tecnologiaoccasione della Festa dei nonni (2 ottobre) uno studio internazionale, condotto sotto forma di questionario, che indaga la relazione tra nonni e nipoti, i valori sottesi e la natura dei loro rapporti.
Imaginarium, ha realizzato lo studio tra i soci del Club Imaginarium di 11 diversi paesi (Spagna, Germania, Italia, Portogallo, Israele, Bulgaria, Colombia, Grecia, Messico, Turchia e Russia) intervistando – in Italia – 1419 genitori e 144 nonni.
La tendenza principale che emerge dai dati italiani è che scompare definitivamente la figura del nonno autoritario, così come si allevia quella del nonno troppo arrendevole, fonte di vizio e di continuo assecondamento dei capricci dei bambini. I nonni sono dei veri e propri amici con i quali i nipoti instaurano rapporti “alla pari”.
Il dato affiora in maniera cross-generazionale, dal 64% dei nonni intervistati, così come dal 62% delle risposte dei genitori.
Come dei veri amici, portatori di esperienze diverse, nonni e nipoti investono molto nel reciproco insegnamento per costruire le basi del loro solido legame.
I nipoti – per il 77% dei nonni italiani intervistati – imparano dai nonni i giochi più creativi e tradizionali (puzzle, carte), i lavori manuali e alcune delle attività pratiche (cucinare, colorare, cucire) che li accompagneranno per il resto della loro vita, mentre i nipoti, a loro volta, diventano fonte di apprendimento, per il 41% dei nonni intervistati, delle nuove tecnologie.
I più piccoli, soprattutto se in età scolare, si candidano a veri e propri “evangelisti digitali” del focolare domestico.
I nonni di oggi sono tutto fuorché dei detrattori della tecnologia. Per il 53,5% del campione intervistato, la tecnologia ha un ruolo importante e formativo nella vita delle nuove generazioni. Dato confermato anche dal 56% dei genitori interpellati: i nonni hanno accolto favorevolmente i dispositivi digitali nella vita dei più piccoli, seppur prescrivendo loro dei chiari limiti temporali nell’utilizzo.
Tecnologia, gioco, apprendimento ma anche condivisione dei primi problemi che affliggono i piccoli. Appena dopo i genitori (48%), i nonni sono infatti un utile supporto per condividere i problemi e chiedere consiglio (33%), secondo quanto affermano i nonni.
I nonni si confermano, pertanto, secondo il parere dei genitori italiani (oltre il 76% degli intervistati), un aiuto valido e importante per l’educazione e la crescita dei bambini. I nonni giocano e passano del tempo con i loro nipoti, eppure – secondo i genitori – hanno modificato il loro approccio. La loro esperienza di genitori li ha resi più rilassati e più sereni per il 77% dei genitori intervistati. Un cambiamento che ha positivamente inciso sulla relazione con i nipoti, sempre contraddistinta, stando a quanto dichiarano i genitori nel 35% dei casi, innanzitutto da un amore incondizionato.

RobertoMichels

Ultima revisione articolo: