On. Franco Vazio: “un sito online per rispondere a un’esigenza di trasparenza e di vicinanza al territorio”

(fp) – Legami, si sa, ormai sempre più stretti tra la comunicazione politica e Franco Vazio Webinternet, con la rete che ha fornito nuovi canali ai politici – spesso, e con qualche ritardo in Italia rispetto ad altri Paesi, ancora solo parzialmente utilizzati – non unicamente per bypassare in parte i “limiti” della tradizionale mediazione giornalistica ma anche per tentare di ridurre quella distanza (reale e/o apparente) tra elettori ed eletti sempre più percepita con insofferenza dai cittadini. Su questa linea è ora nato anche il nuovo sito del deputato albenganese Franco Vazio (Pd), online e già pubblicamente accessibile da alcuni giorni (questo l’indirizzo: www.francovazio.it)

“Per rispondere ad un’esigenza di trasparenza e di vicinanza al territorio, ho pensato di costruire una mia pagina web”, spiega la sua iniziativa lo stesso On. Vazio: “In essa inserirò tutto ciò che riguarda la mia attività parlamentare e la relativa rassegna stampa. La pagina conterrà inoltre il link per collegarsi al sito ufficiale della Camera dei Deputati e tramite esso agli interventi in Aula, in Commissione ed in Giunta, ai documenti ed ai resoconti ufficiali della mia attività parlamentare. Ci sarà anche il link per collegarsi a ‘Riparte il futuro’ la campagna apartitica e trasversale, a cui ho da subito aderito, che, insieme a Libera e al Gruppo Abele, ha per obiettivo quello di contrastare il fenomeno della corruzione ed il voto di scambio politico mafioso”.

“Sulla mia pagina web – prosegue – pubblicherò i più importanti documenti parlamentari, leggi, decreti, nonché dossier per meglio comprendere le leggi in discussione alla Camera dei Deputati. Ci sarà modo di conoscere gli eventi politici importanti e trovare riscontri fotografici attraverso il collegamento a Flickr. Con questa iniziativa vorrei essere più vicino a chi mi conosce ed ai miei elettori, vorrei rendere più comprensibile il lavoro svolto in Parlamento, vorrei aprire una finestra su un mondo spesso criticato, ma non sempre conosciuto a fondo. Non sono un esperto informatico – conclude Vazio – e per questo sin d’ora chiedo scusa per imperfezioni e mancanze”.