Donnedamare, “Il brutto tempo ‘ritarda’ l’inizio dell’estate: in calo le prenotazioni e anche i clienti del fine settimana”

“Il 2014 – Bettina Bolla, presidente dell’Associazione Donnedamare per Bettina Bollal’impresa balneare, spiega in una nota – si sta caratterizzando con il perdurare di una situazione climatica non favorevole; in aggiunta, la situazione di permanente incertezza normativa per quanto riguarda il problema irrisolto da 6 anni ormai, delle concessioni demaniali marittime e lo scarso interesse delle istituzioni al settore balneare stanno mettendo a dura prova la sopravvivenza delle stesse imprese balneari”.

“Il settore anche quest’anno, è sofferente a causa anche della crisi economica con un’ulteriore flessione rispetto all’estate 2013. Siamo ormai certi di essere abbandonati a noi stessi, non abbiamo prospettive future, abbiamo assistito inermi al mancato rispetto della Legge di Stabilità che aveva stabilito un riordino dei canoni e del settore balneare nelle more del 15 maggio, data rimandata al 15 ottobre, senza colpo ferire, senza una presa di posizione certa e decisa dei nostri sindacati.”

“In alcune realtà territoriali, come ad esempio la nostra regione, vi è un trend decisamente negativo, il turismo è solo, tempo e previsioni meteorologiche permettendo, quello mordi e fuggi del fine settimana. È evidente che fare turismo e impresa in questo modo e su queste basi è impossibile”, conclude Bettina Bolla.