Savona: la tradizione ceramica torna alle Fornaci

Prosegue con successo l’operazione “Madunette ae Furnaxi”, che ha messo madunnette e mestieri alle Fornaciin opera sui civici di via Saredo ben 69 immagini di Maria Vergine accolte dentro altrettanti piatti in ceramica: l’iniziativa si è completata felicemente con una segnalazione turistica costituita da due palette, gentilmente offerte dal Corpo della Polizia Municipale, che indicano a cittadini e turisti il percorso compreso fra via Leoncavallo e la confluenza in corso Vittorio Veneto.

‘Sacro’ e ‘profano’ da sempre convivono nella storia del Quartiere; per questo il Comitato Festa del Mare ha inserito nell’ampio programma di manifestazioni dell’estate 2014 anche il Progetto ‘Antichi Mestieri nel Borgo Fornaci’ illustrati da una quindicina di lastre in ceramica, realizzate da importanti ceramisti savonesi e albisolesi, alunni della Scuola Primaria XXV Aprile, ospiti del Laboratorio Espressivo ASL2 di via Amendola e bambini dell’Asilo di N.S. della Neve, che verranno inaugurate domenica 29 giugno alle 10,30 partendo dal muretto esterno alla SMS Giardino Serenella.

Si tratta di un ulteriore elemento di qualità nell’arredo urbano delle Fornaci che, inoltre, sempre più richiama all’antichissima tradizione delle fornaci ceramiche che ha poi dato nome a tutta la zona. Ed ecco i mestieri che saranno illustrati in ceramica: u bancà, u butà, a cantìnn-a, u carbunìn, u careghìtta, u ferà, u latuné, e matunàje, u mestru d’ascia, u panaté, u pescòu a rèi, u pugnatà, u Scaléttu e a Madunétta, u scarpà, u turtà.