Maltrattamenti Rsa Casa Sabatia di Vado Ligure, Melgrati e Rosso: “a distanza di oltre 15 giorni ancora tutto molto nebuloso”

Discusse questa mattina le due interrogazioni dei Consiglieri regionali di Matteo RossoForza Italia Marco Melgrati e Matteo Rosso sulla drammatica vicenda della Rsa di Vado Ligure Casa Sabatia. I due esponenti di Forza Italia hanno chiesto spiegazioni precise su come la Giunta regionale sta seguendo la vicenda partendo anche dalla considerazione che a distanza di 15 giorni dalla venuta a galla delle violenze che gli operatori perpetravano ai danni degli ospiti della Rsa nessuno, nemmeno il direttore della struttura, si è assunto la responsabilità di ciò che è avvenuto anzi tutti coloro che dovevano sapere e che non hanno monitorato sono rimasti al loro posto. Melgrati e Rosso spiegano: “addirittura in Asl 2 i manager hanno ricevuto il premio produzione , notizia di qualche giorno fa. Un fatto grave a nostro avviso che non può e non deve essere sottaciuto: come è possibile che, anche di fronte a quanto è accaduto nella Rsa di Vado Ligure, sia stato assegnato un premio per l’operato dei manager dell’azienda sanitaria savonese che avevano il compito di monitorare e controllare e che invece è evidente non hanno fatto bene il loro lavoro?”.

RobertoMichels

Rosso e Melgrati hanno anche chiesto la “testa” dell’assessore regionale: “per lo meno la presa in carico della responsabilità politica da parte dell’amministrazione regionale che è l’ente che rilascia le convenzioni e accredita le strutture. Come è possibile che dopo così tanti giorni ancora oggi non si abbiano i curricula degli operatori? Come è possibile che gli ospiti siano ancora in quella struttura, anche quelli che hanno fatto esplicita richiesta di essere spostati? Negli altri casi che, purtroppo, si sono presentati in Liguria relativamente a maltrattamenti in strutture residenziali sanitarie convenzionate la prima cosa che è stata fatta è stata appunto spostare le persone in altre realtà, in questo caso è tutto fermo. E’ evidente che c’è qualcosa che non funziona in tutta questa vicenda”.

“Noi chiediamo – continuano i due consiglieri regionali Azzurri – che venga attivata subito la commissione di controllo, costola della commissione sanità della regione, che aveva il compito di eseguire sopralluoghi a sorpresa nelle Rsa convenzionate della Liguria per controllare e visionare la situazione in cui si opera in queste strutture. Era stato deciso così due anni fa dal Consiglio regionale, sempre su proposta di Forza Italia, ma ad oggi a distanza di tempo questo gruppo di lavoro, composto da consiglieri regionali volontari ( cioè senza gettone), non è stato fatto partire quando poteva essere un forte deterrente”.

“Rimangono ancora le incognite sulle segnalazioni di mal funzionamento della struttura di Casa Sabatia all’Asl2, che risultano fossero state fatte da parte di familiari, e la verifica sulle professionalità degli operatori: da quello che sappiano su 12 assunti 11 non erano in regola e già solo questo dato dovrebbe fare riflettere. Insomma una situazione che già così dimostra quanto siano stati e sono carenti i controlli in questo campo e quanto forte sia la necessità di cambiare registro in un settore molto delicato”, concludono Melgrati e Rosso.

Ultima revisione articolo: