Aromi e Colori: ad Albenga una vetrina floreale che vale 150 milioni di export

Taglio del nastro, lunedì sera, sotto le serre del Centro camerale di Aromi e Colori Albenga 24-2-2014sperimentazione e assistenza agricola di Albenga (CeRSAA), della seconda edizione di Aromi e Colori, grande vetrina del florovivaismo della piana ingauna, organizzata d’intesa con l’Associazione Floras e le organizzazioni sindacali agricole. In mostra oltre un centinaio di specie floricole e aromatiche, moltiplicate in innumerevoli varietà, che

fanno del comprensorio di Albenga uno dei più importanti poli produttivi del settore in Italia. “Intorno a noi – ha sottolineato nel suo intervento di saluto il presidente della Camera di Commercio di Savona Luciano Pasquale – è uno dei pilastri che sorreggono l’export savonese. Questi vasi e queste piante rappresentano un business che vale ogni anno 150 milioni di euro in sole vendite all’estero, circa un decimo del totale della provincia. È la punta di un iceberg di 1.500 aziende floricole che producono 120 milioni di vasi e assicurano migliaia di posti di lavoro. La Camera è impegnata a sostenerle ed a promuoverne lo sviluppo e una sempre più incisiva presenza sui mercati nazionali e internazionali”.

Due le iniziative che sono ormai prossime alla realizzazione. L’avvio delle transazioni alla Borsa merci telematica per le piante in vaso, previsto per i prossimi mesi di agosto – settembre, e le definizione delle procedure per la certificazione di origine e di qualità delle produzioni savonesi, che andrà in porto il prossimo anno.

“Ci siamo presi degli impegni e li stiamo rispettando – ha aggiunto il presidente della Camera di Commercio -, mettendo a disposizione sia risorse economiche sia soprattutto un grande impegno degli uffici camerali”. All’inaugurazione erano presenti sindaci, amministratori, rappresentanti delle associazioni agricole e dei consorzi dei florovivaisti.

“La speranza è che si chiuda un periodo in cui, alla crisi generale, si è sovrapposto anche un andamento climatico complicato e sfavorevole, non solo da noi ma anche nel Centro e Nord Europa, che ha depresso a lungo il mercato” ha detto il presidente del CeRSAA Paolo Calcagno. Cia, Coldiretti e Unione Agricoltori, organizzazioni che hanno dato impulso all’associazione Floras, hanno sottolineato l’importanza di consolidare nel tempo ‘Aromi e Colori’, puntando a farlo diventare una manifestazione di riferimento per il settore.

La seconda edizione dell’evento sotto le serre, intanto, ha coinciso con il lancio di un sito dedicato (www.aromiecolori.it), che punta a diventare un catalogo on line aggiornato e sempre più dettagliato, prosecuzione ideale dell’esposizione di Albenga.