Il Consiglio regionale sollecita sospensiva sui cantieri ex Mondomarine di Savona

Savona / Genova. Il Consiglio regionale ha approvato oggi un ordine del giorno sottoscritto da tutti i gruppi che impegna la giunta a intervenire sulla Port Authority di sistema affinché provveda con solerzia e urgenza a richiedere una sospensiva al Consiglio di Stato circa il pronunciamento del Tar affinché l’azienda Palumbo possa continuare a operare nell’area dei cantieri ex Mondomarine fino all’ultimo pronunciamento della giustizia amministrativa. Nel documento si ricorda che il 9 maggio scorso il Tar ha accolto i ricorsi presentati da Monaco Marine e Rodriguez contro la decisione della Port Authority di assegnare i cantieri ex Mondomarine a Palumbo, l’azienda che attualmente sta gestendo le aree, che ha riassunto 37 dei 51 dipendenti di Mondomarjne e si è assunta l’impegno di reintegrare completamente l’organico fino a 51 unità effettive. Tutelare la Gmg Campanella. Il Consiglio regionale ha anche approvato un ordine del giorno sottoscritto da tutti i gruppi che impegna la giunta a intervenire affinché l’azienda GMG del settore riparazioni navali, assicuri tempestivamente il rispetto di tutti i diritti contrattuali dei dipendenti a partire da quelli salariali, a sollecitare l’intervento dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure occidentale affinchè eserciti il potere di controllo nei confronti del concessionario per favorire una soluzione positiva affinchè siano esercitate tutte le prerogative dell’Autorità portuale perché le aree occupate dal GMG siano legate ai lavoratori assicurando, nell’eventuale cambio di concessione tutte le garanzie occupazionali per tutti i dipendenti di GMG Campanella e, infine, a valutare l’opportunità di un accordo di programma che abbia al centro lo sviluppo del comparto e il nesso fra aree occupate e garanzie occupazionali.

Ultimo aggiornamento: