Maxistanziamento per la difesa del suolo: “occasione per il territorio e per lavoratori e imprese locali”

Savona / Genova. Il settore savonese delle costruzioni accoglie favorevolmente la notizia diffusa ieri dalla Regione Liguria dello sblocco di ingenti risorse dedicate alla manutenzione e ripristino per i danni da maltempo dei mesi di ottobre e novembre scorso, nonché per interventi strutturali a difesa del suolo. “Si tratta di un segnale importante, ma anche di un occasione importante. Interventi di questo tipo devono e possono guardare alla qualità intesa come qualità dell’opera, ma anche del lavoro sicuro, regolare e stabile”.

Vedi Protezione civile e difesa del suolo, oltre 200 milioni assegnati a 150 comuni liguri

Ance Savona, FeNeal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil di Savona ricordano come “attraverso l’azione delle singole organizzazioni nonché degli Enti bilaterali Cassa Edile e Ente Paritetico per la formazione e sicurezza della Provincia di Savona promuovono e ricercano al regolarità e la sicurezza che di traducono in lavori qualificati e sicuri. Si ricorda ad esempio la sottoscrizione di un Protocollo di intesa sottoscritto nel giugno dello scorso anno presso la Prefettura di Savona tra Enti ed Amministrazioni nonché dalle Organizzazioni di categoria del settore, e fortemente voluto dagli Stati Generali dell’Edilizia, finalizzato all’incremento del livello di sicurezza del lavoro nei cantieri edili”. “Occorre dare seguito a quanto contenuto in esso e fare si che ci siano ricadute locali proprio per le imprese e i lavoratori della provincia che, nonostante l’importante e ormai duratura crisi che ha investito il settore, continuano a credere nell’importanza di un edilizia sicura, di qualità e sostenibile al servizio del territorio e della crescita economica e sociale”.