“Libriamoci”: leggere rende liberi

Laboratori, passeggiate, merende, perfino l’asinella Margherita; e poi – naturalmente – libri…tanti, tantissimi libri. Libri da leggere ad alta voce, pagine da commentare, voci da ascoltare; tutti insieme nella lettura, in classe ma anche in giardino, in biblioteca o a teatro, con gli insegnanti, con mamma e papà, con i compagni. Con chi i libri ama leggerli, ma anche con chi li scrive.

Mercoledì 24 ottobre i bambini della Scuola Primaria di Cervo si immergono nei libri con “Libriamoci”, iniziativa promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT), con il Cepell – Centro per il libro e la lettura – e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) – con la Direzione Generale per lo studente. Il tema, per Cervo, è “La lettura come libertà”.

L’iniziativa è rivolta a tutte le scuole italiane, di ogni ordine e grado, e si svilupperà con l’organizzazione di letture ad alta voce in ogni ambiente che possa prestarsi alla condivisione di un piacevole e accattivante momento di lettura. Non sarà una gara e nemmeno un’attività legata a fini valutativi: l’obiettivo sarà quello di diffondere il piacere della lettura tra i bambini e i ragazzi e di sottolinearne l’utilità per la crescita sociale e personale, sia grazie all’esperienza diretta con i testi, che attraverso l’ascolto e il confronto con docenti, compagni e genitori, autori, giornalisti, esperti.

Per la giornata di Libriamoci a Cervo, saranno presenti la scuola primaria, in collaborazione con Endas attraverso Bi-Bl-io-Margherita (l’Asineria del Ciapà), la Croce d’Oro (Pubblica Assistenza), l’Associazione Studiolambiente. Parteciperanno anche il Sindaco, la Delegata all’Istruzione, maestre in pensione e nonni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*