Liguria, approvato in Giunta un piano regionale per combattere il gioco d’azzardo patologico

Regione Liguria. È stato approvato dalla Giunta il Piano Regionale GAP (Gioco d’Azzardo Patologico) 2017 – 2018 per la prevenzione, cura e riabilitazione del disturbo da gioco d’azzardo, redatto dai competenti uffici di A.Li.Sa in ottemperanza a quanto previsto dal Decreto del Ministero della Salute del 6 ottobre 2016, già valutato positivamente dal Ministero stesso secondo quanto comunicato con nota della Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del 4 maggio 2018.

Il Piano avrà un durata di ventiquattro mesi. Al fine di garantire l’esercizio delle attività previste dal Decreto del 6 ottobre 2016 sono state trasferite dal Dipartimento Salute e Servizi Sociali ad A.Li.Sa. risorse economiche pari a 1.366.457 euro, provenienti dal Fondo per il gioco d’azzardo patologico istituito dalla Legge di stabilità 2016 presso il Ministero della Salute.

Il gioco d’azzardo patologico è un fenomeno relativamente recente, ma ha ormai raggiunto caratteristiche di emergenza: la stima dei giocatori d’azzardo problematici varia dall’1.3% al 3.8% della popolazione generale e si ritiene che i giocatori d’azzardo patologici siano intorno all’1.6%.

Le fasce di popolazione maggiormente interessate sono quelle più deboli, vale a dire i giovani e gli anziani: ad oggi sono circa 400 i soggetti presi in carico, ma purtroppo il fenomeno è sottostimato ed è destinato ad aumentare.

“Grazie al nuovo Piano regionale saranno incrementate le attività di informazione e di prevenzione rivolte alla cittadinanza in generale, nonché l’offerta di cura e presa in carico dei soggetti ludopatici, al fine di combattere e limitare quanto più possibile quella che è una vera e propria dipendenza che può recare conseguenze molto negative a chi ne soffre” commenta Angelo Vaccarezza, presidente del Gruppo Forza Italia in Regione Liguria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*