Cresce il legame tra artigianato ligure e turismo

Il 14,8% delle micro e piccole imprese artigiane della Liguria è potenzialmente interessato dalla domanda turistica. Un dato leggermente inferiore alla media nazionale (15,9%, oltre 209 mila imprese), ma che, diversamente da quanto accade nel resto d’Italia, si mantiene pressoché stabile rispetto al 2017. L’analisi emerge dall’ultimo studio di Confartigianato, relativo al primo trimestre 2018 su dati Unioncamere-Infocamere. In sostanza, rispetto al primo trimestre dell’anno scorso, le 6.486 microimprese liguri interessate dai flussi turistici risultano in lieve aumento (+0,1%), a fronte di un trend italiano in calo dello 0,8% e a una media del Nord Ovest negativa dello 0,1%. La performance ligure, insieme a quella di Lombardia e di Bolzano, è la quarta migliore in tutta Italia: al primo posto spicca la Valle d’Aosta, +1,9% (sebbene con valori assoluti decisamente inferiori), seguita da Provincia autonoma di Trento (+0,4%) e dal Friuli (+0,3%).

Quali i settori effettivamente interessati dalla domanda turistica? Si va dall’abbigliamento e calzature (circa 600 microimprese liguri), ai servizi e altre attività manifatturiere (più di mille aziende), che comprende importanti attività dell’artigianato nella fotografia, cornici, gioielleria e bigiotteria, ceramica e vetro, lavorazione artistiche del marmo, del ferro, del rame e dei metalli, cure per animali domestici, centri benessere e palestre. Seguono l’agroalimentare (oltre 1.400 microimprese in Liguria), i trasporti (circa 2 mila), le attività di ristorazione e le pasticcerie (circa 1.500).

«Oltre a essere una fondamentale risorsa economica per il nostro territorio, il made in Liguria è particolarmente ricercato e apprezzato dai turisti che visitano la nostra regione – sostiene Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – La chiave per il suo sviluppo, dunque, passa anche attraverso una promozione turistica integrata, che sappia valorizzare tutto il nostro patrimonio: dalla cultura al paesaggio, fino alle produzioni di alta qualità che identificano la Liguria in tutte le sue sfaccettature. I numeri ci danno ragione: per questo è fondamentale proseguire con le iniziative di promozione coordinate, fare sistema e veicolare sempre di più il “brand Liguria” in Italia e all’estero».

Genova, con la maggior parte di microimprese artigiane interessate (3.571), è perfettamente in linea (+0,1%) e spicca anche tra le 24 province italiane in crescita con più di mille realtà artigiane interessate dal turismo. Positiva anche La Spezia, +2,2% sul 2017, con 806 imprese artigiane legate all’economia turistica, così come Imperia: +0,5%, 854 microimprese. Negativo dell’1,5% il dato su Savona, che conta 1.255 micro e piccole imprese artigiane interessate dalla domanda turistica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*