La fionda 2018 è per le donne

Premio fionda 2018 decisamente al femminile. “Una fionda a due donne per tutte le donne” così infatti si legge nelle motivazioni che spiegano l’assegnazione dell’ambito riconoscimento a Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno. I fieui di caruggi –ideatori e organizzatori dell’ evento in collaborazione col Comune di Albenga – hanno deciso di affrontare un tema serio ed importante, addirittura drammatico, come quello del femminicidio e della violenza alle donne. “E per farlo – spiegano i monelli dei vicoli ingauni – abbiamo individuato tra le associazioni che si occupano di fornire sostegno alle vittime di abusi fisici e psicologici la Fondazione Doppia Difesa in quanto coetanea del Premio Fionda, essendo nata anch’essa nel 2007”.

Doppia Difesta è stata infatti fondata undici anni fa proprio da Michelle Hunziker e dall’Avvocato Giulia Bongiorno , sensibili e attente –anche per vicende personali e professionali – alle problematiche del mondo femminile. Si occupa di fornire aiuto e assistenza legale e psicologica a donne maltrattate, che –da sole – non avrebbero né la forza né i mezzi per reagire. Nello stesso tempo si impegna a promuovere una cultura del rispetto anche attraverso i mezzi di comunicazione, come dimostrato proprio da Michelle Hunziker in occasione dell’ultimo Festival di Sanremo. Anche per questo Doppia Difesa ha molti sostenitori e testimonial nel mondo dello spettacolo. Da Malika Ayane a Lucilla Agosti, da Silvia Toffanin e Nancy Brilli a Ilary Blasi e Francesco Totti, da Nek e Anna Tatangelo a Annalisa Minetti e Nicoletta Mantovani Pavarotti.

La presentazione di Fionda 2018 a Michelle Hunziker e Giulia Bongiorn è avvenuta questa mattina ad Albenga in una conferenza stampa-spettacolo. Alla presenza delle Autorità e degli Albenga Runners i Fieui di caruggi hanno confermato la loro capacità di trasformare in spettacolo anche un momento tradizionalmente “noioso” come appunto una conferenza stampa. Gli interventi musicali di Marisa Fagnani e della sua chitarra, decisamente al femminile e quindi in tema con le premiate, hanno allietato l’evento conclusosi con una simpatica e divertente rivisitazione in dialetto ligure da parte di Franco Fasano del suo successo IO AMO, diventato per l’occasione MI AMU

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*