Coldiretti Liguria: Agriturismo, “Psr e Distintività per aumentare la qualità”

Si è chiuso mercoledì 28 a Imperia, il ciclo di incontri organizzati da Coldiretti con gli operatori del settore agrituristico per affrontare i temi legati allo sviluppo e alla distintività del settore, anche grazie ai recenti fondi messi a disposizione dalla Regione attraverso la sottomisura 6.4 del PSR.

“L’attività agrituristica in Liguria – commenta il presidente Terranostra Marcello Grenna – è una realtà importante con 633 aziende operanti nel settore. Le aziende agricole liguri, per le loro caratteristiche strutturali, devono puntare sulla multifunzionalità e l’agriturismo è forse una delle attività più importanti, che ha permesso, in particolare alle aziende dell’entroterra di sopravvivere e svilupparsi. Per questo motivo è fondamentale che le aziende conoscano le possibilità offerte dal PSR ma è anche necessaria una riflessione seria sul futuro di questo settore, ecco perché abbiamo voluto incontrare le aziende e confrontarci direttamente con loro”.

“Non possiamo nascondere che il bando attualmente aperto, non rappresenta una risposta completa e sufficiente alle richieste del territorio, sia per la quantità di fondi messi a disposizione, sia per le modalità di accesso al bando, che appare macchinosa e penalizza molte delle aziende che speravano in questi aiuti per fare nuovi investimenti. Confidiamo – conclude Grenna – che vi sia la disponibilità della Regione, come è stato fino ad oggi, a rivedere alcuni aspetti, in modo da sostenere il più possibile quelle aziende che nonostante periodo di crisi, hanno la volontà di investire, con i benefici economici per il territorio che questo comporta.”

“Gli incontri – commenta il direttore Coldiretti Liguria Enzo Pagliano – sono stati anche l’occasione per riflette sull’attuale situazione di mercato del settore e sulla necessità che le aziende investano, prima di tutto sulla loro distintività, ma è stato anche un momento per sottolineare l’esigenza di difendere e tutelare l’agriturismo autentico, a beneficio dell’agricoltura in generale e dei territori. Gli operatori agrituristici sono i veri ambasciatori del patrimonio agroalimentare, aggiungendo alla qualità dei prodotti il racconto straordinario di una storia di saperi. Con l’agriturismo distintivo e la vendita diretta di qualità di Campagna Amica, Coldiretti intende tracciare gli elementi peculiari di una nuova agricoltura”.