Cia Liguria, due unità abitative acquistate e 800 kit “Amatriciana solidale”

Due unità abitative acquistate e 800 kit “Amatriciana solidale” venduti. Risultati concreti dell’impegno di Cia Liguria a favore delle popolazioni dell’Italia centrale colpite dal terremoto. Un impegno che vale 120mila Euro, raccolti in questi mesi dall’organizzazione Cia anche sul nostro territorio.

“Questo risultato, piccolo a fronte del dramma che vivono le popolazioni colpite, ma significativo per le dimensioni della nostra organizzazione – commenta Aldo Alberto, presidente Cia Liguria – , è stato raggiunto grazie alla generosità e al senso di solidarietà che, nonostante tutto, pervade ancora il mondo agricolo”.

La vendita del kit per la preparazione dell’Amatriciana o per la Gricia è stata la prima azione messa in campo da Cia di fronte all’emergenza terremoto. Un’iniziativa resa possibile grazie anche al contributo di importanti aziende. Il ricavato degli 800 kit, acquistati dai soci della Confederazione ligure o da privati nel corso delle manifestazioni sul territorio, è stato destinato alla ricostruzione dell’Istituto Alberghiero di Amatrice. 100mila Euro consegnati al preside dell’Istituto lo scorso 31 marzo.

Le unità abitative, invece, sono state acquistate grazie alle donazioni dei soci e alla raccolta fondi avviata con le “Cene solidali” promosse dagli agriturismi iscritti a Cia Liguria. 20mila Euro che sono serviti a dare una nuova casa a due aziende agricole del centro Italia: “La Perla” di Norcia (PG) e “Paolo Strappaveccia” di Camerino (MC).

“In questo percorso di solidarietà è stato fondamentale anche il contributo dei nostri imprenditori e dirigenti, delle associazioni di categoria e non che rappresentano un valore enorme di questo nostro Paese – prosegue Aldo Alberto – . Le indichiamo di seguito perché crediamo sia giusto dare visibilità ad impegno e valori positivi del nostro agire quotidiano, dicendo loro ancora una volta grazie”.

Ecco chi ha dato un contributo “speciale” a questo importante risultato:

Provincia di Savona
– Agriturismo “Casina di Giglio” a Ortovero (Sv)
– Agriturismo “U Caruggiu” a Stellanello (Sv)
– Agriturismo “Serrette” a Garlenda (Sv)
– Agriturismo “Ca’ du Gregorio” a Borgio Verezzi (Sv)
– Agriturismo “Francesco Romano” a Sassello (Sv)
– Agriturismo “Innocenzo Turco” a Quiliano (Sv)
– Pro Loco Casanova Lerrone

Provincia di Imperia
– Brigitte Bruschi, titolare dell’agriturismo CA’ Sottane
– Pro Loco di Bestagno
– Organizzazione Assaggiatori Liguri, nelle persone dei componenti il Direttivo
– Cooperativa Riviera dei Fiori ed il suo presidente, Giancarlo Cassini
– titolari delle aziende Valle Ostilia – Vis Amoris – Saguato Rossella e Gino, Garibaldi Fulvio per i prodotti offerti
– Roberto Rota, dirigente Cia e vero motore di questa campagna di solidarietà che ha operato in maniera personale, ma anche attraverso la Protezione Civile di Camporosso

Provincia della Spezia
– Agriturismo “Il Casale del Ben Essere” di Roberta Botti a Brugnato
– Agriturismo “La Giara” di Rita Pascotto a Beverino
– Agriturismo “Il Paradiso” di San Prospero di Sara Bonamini a Vezzano Ligure
Coordinati dall’Associazione “Donne in Campo” della Spezia e dalla sua presidente Barbara Fidanza

Provincia di Genova
– Agriturismo Valdolivo
– ANP di Genova
– Coop Olivicoltori Sestresi