4 Novembre: in Regione anche Minuto di silenzio per le vittime dell’alluvione 2011

Subito dopo l’apertura della seduta il presidente del Consiglio regionale Francesco Bruzzone ha ricordato che oggi ricorre la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate e, subito dopo, ha chiesto all’Assemblea di osservare un minuto di silenzio in memoria delle vittime dell’alluvione che colpì Genova esattamente cinque anni fa.

«Ritengo doveroso aprire il lavori della seduta odierna del Consiglio regionale – ha esordito il presidente – rivolgendo il nostro pensiero al significato, direi al valore, che il 4 novembre assume nella storia del Nostro Paese. La giornata celebrativa nazionale, istituita all’indomani della vittoriosa conclusione della Prima Guerra Mondiale, parla al cuore della Nazione tant’è vero che nessuno ne ha mai messo in discussione la portata fondante della nostra storia nazionale. Oggi, nell’approssimarsi del suo centenario, la scopriamo ancora più viva e sentita, tanto è vero che l’Ufficio di Presidenza ha assunto al tavolo interistituzionale, appositamente costituito presso la Prefettura di Genova, l’impegno di onorarne la Memoria attraverso una pubblicazione di alto valore scientifico, attuata con la collaborazione dell’Università degli Studi di Genova, con l’ausilio della Soprintendenza, e soprattutto grazie alla collaborazione assicurata da tutti degli enti locali della nostra regione. Riscopriremo insieme tanto le nostre memorie monumentali che, sparse fin nelle più remote frazioni, assommano a quasi un migliaio, e quanto la loro presenza faccia parte del nostro quotidiano».

Bruzzone ha, dunque, aggiunto: «Questa data, 4 novembre, ha poi un significato particolare per Genova che cinque anni fa, proprio in queste ore, veniva spazzata da una violentissima alluvione che, oltre a provocare ingentissimi danni, spezzò sei giovani vite, una di loro era figlia di una dipendente regionale. Lutti che – ha concluso – pesano ancora terribilmente nel cuore di tutti».