Città d’arte 3.0: il futuro delle città d’arte in Italia

Si svolgerà venerdì 11 e sabato 12 novembre 2016 a Mantova nelle sedi del Teatro Bibiena e a Palazzo Te il convegno “Città d’arte – Il futuro delle città d’arte in Italia”, due giornate di confronto tra amministratori ed esperti del settore che hanno l’obiettivo di puntare i riflettori sulle sfide e sulle opportunità che si offrono oggi alle città d’arte italiane. Città che costituiscono la spina dorsale del nostro Paese e che sono ora chiamate ad affrontare profondi cambiamenti nelle loro condizioni di sostenibilità.

Mentre l’anno di Mantova Capitale Italiana della Cultura si avvia a conclusione, il convegno ribadisce il punto cardine delle proposte di questi mesi: l’arte come occasione di riqualificazione del tessuto urbano.

I lavori saranno avviati da una cerimonia di apertura che si svolgerà alla presenza del Presidente della Repubblica e con gli interventi di Stefano Baia Curioni, Presidente Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te, Mantova; Mattia Palazzi, Sindaco di Mantova; Roberto Maroni, Presidente Regione Lombardia; Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Seguiranno le sessioni di lavoro parallele nelle quali verranno affrontati i temi: Il ruolo atteso dei musei per il futuro delle città d’arte; Regolazione e tutela del patrimonio e del paesaggio tra globalizzazione e Localismi; Il ruolo atteso dei festival e dei teatri; Arti contemporanee e trasformazione urbana; Le dinamiche non prevedibili dell’economia della cultura; Le imprese e le istituzioni culturali per le città d’arte del futuro; Verso la città che legge.

Il convegno è promosso da ANCI, Comune di Mantova, Regione Lombardia, Centro internazionale d’arte e di cultura – Museo civico di Palazzo Tè in collaborazione con Federculture e Agis e con il patrocinio di ICCROM, MiBACT e Fondazione Cariplo.