Albenga, parte il recupero di piazza Trincheri: trovate le risorse

Albenga. Passata in Consiglio comunale ieri sera la pratica dell’assestamento di bilancio, obbligo di legge assolto con la sua approvazione. “Una pratica importante– dice l’assessore al bilancio Paola Allaria – che si è attivata con gli uffici per reperire nell’assestamento di bilancio la somma per finanziare l’intervento che consentirà la riqualificazione di piazza Trincheri”.

Il sindaco Giorgio Cangiano non nasconde la sua soddisfazione: “Con la riqualificazione di piazza Trincheri si prosegue nel recupero del centro storico ingauno. Abbiamo trovato le risorse, una somma pari a circa duecentomila euro, che sarà utilizzata per il restyling della pavimentazione, attualmente sconnessa e che diventerà zona pedonale. Un recupero importante – richiesto da anni dai residenti del quartiere e dagli operatori economici – prosegue il primo cittadino – che vedrà finalmente la luce restituendo alla città uno degli ingressi principali al Centro Storico e un incantevole piazzetta. L’intervento consentirà anche una riqualificazione di Via Roma, zona che sta credendo nelle sue possibilità economiche e commerciali e che con questo intervento beneficerà nella sua immagine”.

Chi ne ha fatto “una bandiera del cambiamento” è il partito democratico, per voce in particolare di una sua esponente, Emanuela Picasso, che detiene la delega per la valorizzazione del centro storico: “ringrazio gli uffici che si sono impegnati a portare avanti il progetto e oggi posso dirmi soddisfatta perché si darà il via a questo intervento. La nostra è una ricetta semplice, dove si recupera e si riqualifica si ottiene come diretta conseguenza un miglioramento della vivibilità, e l’allontanamento di coloro che per i loro traffici ha necessità, invece, di luoghi bui e abbandonati. Con il suo restyling verrà valorizzato un angolo suggestivo del centro storico che compie altri passi in avanti per crescere e divenire sempre più un luogo ricco di botteghe, locali tipici e commerciali creando una barriera al degrado e alla microcriminalità. Il piano di recupero consentirà di avere un centro storico più bello e più vivo da sentire maggiormente nostro”.