Bitume a Savona, Diaspro (M5S): “Pd e centrodestra mentono ai cittadini”

interrogativi 2

Savona. “Il pericolo del bitume incombe ancora sulla nostra città, la costruzione del deposito è stata solo rimandata a dopo le elezioni comunali. Il PD e il centrodestra hanno sempre votato a favore ed ora mentono ai cittadini cercando di nascondere le loro gravi responsabilità”. È quanto sostiene Salvatore Diaspro, il candidato sindaco del M5S alle prossime amministrative di Savona.

“Il via libera al deposito – prosegue Diaspro – è stato dato sia dal Comune di Savona, amministrato dal PD, sia dalla Regione Liguria, all’epoca a guida PD, sia dalla Provincia, amministrata dal centrodestra. Tutti hanno dato il loro assenso senza approfondire i pericoli per la salute e l’ambiente ed in assenza dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera. Tre SÌ bipartisan da centrodestra e centrosinistra”.

“Né il sindaco Berruti, né l’assessore all’ambiente Costantino, hanno partecipato alle due conferenze dei servizi, il primo perché temeva di annoiarsi, il secondo perché, per sua stessa ammissione, non ci capiva nulla. Era convinto che si trattasse di bitume allo stato solido. “Il Comune di Savona ha dato il suo assenso al progetto senza che nessuno, assessori, sindaco, dirigenti, si accorgesse che in quella zona il piano regolatore portuale ne vieta la realizzazione. La regione Liguria, amministrata da quel centrodestra complice nell’approvazione dell’impianto, racconta di aver fermato il progetto grazie ad una mozione in realtà del tutto ininfluente”.

“Chi dice che il pericolo del bitume è scampato sta mentendo spudoratamente ai cittadini. Al progetto manca solo la firma della presidenza del Consiglio dei ministri, poi purtroppo potranno iniziare i lavori. “L’unico modo per impedire la realizzazione del deposito è quello di avviare una lunga e difficile battaglia legale. I nostri avvocati hanno già esaminato a fondo l’iter autorizzativo del progetto, nei prossimi giorni depositeremo un esposto in Procura” conclude Diaspro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*