Carcere Savona, Melis (M5S) scrive al prefetto: “urge una nuova casa circondariale”

04 - Andrea Melis 1

«Con la chiusura dell’istituto penitenziario Sant’Agostino, Savona è rimasta l’unica provincia ligure sprovvista di un carcere. Una lacuna inaccettabile per un territorio come questo e che comporta pesanti conseguenze in termini di costi, efficienza e disagi per cittadini e agenti di polizia penitenziaria. Per questo abbiamo deciso di rivolgerci direttamente al Questore, al Viceprefetto e al Comandante provinciale dei Carabinieri di Savona con una lettera aperta in cui chiediamo chiarimenti sul tema e sollecitiamo iniziative per garantire lo stato di sicurezza del territorio, in un’ottica anche di risparmio economico».

Andrea Melis, portavoce MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria, entra ulteriormente nei dettagli della lettera: «In particolare, la chiusura del Sant’Agostino ha obbligato gli agenti penitenziari a lunghi trasferimenti di detenuti verso Genova o Imperia. Ciò implica tempi e costi maggiori e lascia sguarniti i presidi di polizia locale. Nel corso della lettera, indirizzata alla Prefettura, abbiamo voluto anche sondare lo stato dell’arte sull’ipotesi dell’apertura di una nuova casa circondariale, su cui sarà decisivo l’intervento del Ministero di Grazia e Giustizia».

«Qualche anno fa era stata avviata una valutazione per l’eventuale apertura di un carcere in località Passeggi, poi non se ne fece nulla. Ma, a prescindere di quale sarà il luogo scelto e al di là di qualche proposta controproducente degli ultimi tempi (vedi Cairo Montenotte, all’interno della Scuola Penitenziaria), è chiaro – conclude Melis –che l’apertura di una nuova casa circondariale nella provincia savonese sia urgente e non più rimandabile».