“A Scuola di Rischio”: in un fumetto ludico-didattico la prevenzione in caso di emergenze

2 Fumetto Rischio

Savona. La prevenzione non è mai troppa e soprattutto non ha età. I rischi ambientali esistono -sempre e in qualsiasi situazione- ma il modo migliore per fronteggiarli è essere preparati. È su questi presupposti che si articola il fumetto ludico-didattico “A Scuola di rischio” presentato questa mattina presso la sede dell’Unione Industriali di Savona. Il progetto – ideato da ABC idee per la Comunicazione, finanziato da UISV e Infineum e patrocinato dai Comuni di Albisola Superiore, Albissola Marina, Vado Ligure e Quiliano- vuole essere essere uno strumento rivolto ai piccoli (fascia di età dai 6 ai 12 anni) per non sottovalutare i pericoli e agire correttamente nelle situazioni di emergenza. Così le tavole disegnate dal vignettista Danilo Maramotti sono un esempio in materia di auto-protezione in quanto non è mai troppo presto per acquisire consapevolezza di se stessi, dell’ambiente in cui si vive e del territorio circostante.

“Abbiamo da subito appoggiato questo progetto –ha sottolineato durante la conferenza stampa Alessandro Berta, direttore dell’Unione Industriali Savona – perché i giovani sono il futuro. E noi abbiamo l’obbligo come istituzioni del territorio di costruire il cittadino-bambino su tematiche importanti come l’auto protezione civile. Non è un caso che i giovani di oggi abbiano la capacità, soprattutto nell’età scolare, di sensibilizzare anche l’adulto”.

Dello stesso avviso anche l’Infineum in prima linea nella prevenzione. “A nostro avviso sono due gli aspetti importanti -ha evidenziato l’amministratore delegato di Infineum Enrico Bertossi- il progetto infatti insegna l’auto protezione e noi siamo molto sensibili alla tematica sia dal punto di vista industriale e ambientale. Ecco perché diventa importante la formazione e la sicurezza. È questo progetto di comunicazione è uno strumento diretto che permette di formare il cittadino del domani”.

In altre parole è importante che già da piccoli si abbia coscienza di chi siano le autorità competenti a cui chiedere aiuto tempestivamente. È proprio da queste linee guida che si articola l’intero fumetto. La particolarità del fumetto “A Scuola di Rischio” sta nella sua interattività: per ogni situazione di pericolo la storia si articola “a bivio”, in cui in un dato momento il lettore è messo davanti ad una decisione da prendere. Il comportamento sbagliato porterà ad una bonaria “ramanzina” da parte della mascotte indiscussa, il cane Guido, che rimetterà il lettore sui binari per arrivare alla scelta giusta. Un’idea che ha incontrato anche il favore dei Comuni coinvolti.

“Bambini e giovani come motore del futuro -ha ribadito l’assessore all’Ambiente di Albisola Superiore, Nadia Freccero- sono queste iniziative ad essere importanti per la formazione dei bambini in caso di situazioni dove viene richiesta una consapevolezza di auto protezione civile”. A sottolineare l’aspetto ludico-didattico il vicesindaco di Albissola Marina, Nicoletta Negro: “Sono soddisfatta perché questo progetto tratta i bambini come tali. Con una comunicazione sinergica tra informazione e gioco. Come diceva Munari: giocare è un a cosa seria.  È questo progetto ha colto l’idea che per comunicare bene con i bambini sia necessario un approccio ludico”.

Presente anche il sindaco di Quiliano, Alberto Ferrando: “Iniziativa importante soprattutto perché tratta le situazioni semplici, quelle che sarebbero scontate per qualsiasi adulto, come importanti e necessarie. Ricordiamo poi che sono progetti come questi che permettono ai bambini di avvicinarsi al mondo del volontariato, aspetto non di poco conto in tempi come questi”.

Ma perché proprio un fumetto? “Perché proprio come la prevenzione anche la comunicazione non ha età -ha affermato Alessandra Arpi, coordinatrice per ABC del progetto- e in questo fumetto come ABC abbiamo messo passione e dedizione ma soprattutto precisione, data la delicatezza e l’importanza dell’argomento. Il risultato è stato un lavoro corale con il fine di offrire un servizio prezioso per la sicurezza dei cittadini di oggi e di domani”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*