Comitato Cittadino della Resistenza Antifascista di Savona: “70 anni di 25 aprile”

LETTERE&INTERVENTI – Comitato Cittadino della Resistenza Penna letteraAntifascista di Savona: “70 anni di 25 aprile”. «

A settant’anni dal 25 Aprile 1945 è ancora necessario riflettere su quel grande momento di emancipazione del Paese e sulle sue conseguenze?

La risposta è indubbiamente affermativa. Perché il valore supremo della Libertà, costato lutti e distruzioni nei due anni di guerra di Liberazione dal nazi-fascismo, va, come ci insegna la lezione di quelle donne e quegli uomini coraggiosi, costantemente presidiato.

I Partigiani hanno combattuto per raggiungere obiettivi che avevano ben chiari, nelle loro menti e nei loro cuori: la pace, la libertà e la democrazia. E lo hanno fatto per tutti, anche per coloro che, indifferenti alle sorti della Patria, avevano contribuito al disastro, ma anche – e in taluni casi soprattutto – per fornire una garanzia e una speranza di sviluppo ai ceti sociali meno fortunati.

Da quella lotta, generosa e coraggiosa, è scaturito un frutto che, ancora oggi, ci abbaglia per bellezza, spessore, modernità e lungimiranza: la nostra Costituzione repubblicana, non solo un punto di arrivo ma un vero e proprio modello di programmazione democratica.

Settant’anni sono molti, nella storia di un Paese “giovane”, come è l’Italia unitaria.

Tuttavia questi settant’anni, quelli che ci dividono dal 25 Aprile del 1945, hanno visto un Paese evolvere in modo straordinariamente efficace, ma anche contraddittorio. Le conquiste, sul piano della difesa della democrazia e dei diritti dei più deboli, sono state molte. Ma, per altri aspetti, questi settant’anni ci hanno consegnato un Paese che, sul piano della difesa di quei principi, appare talvolta stanco e opaco.

La ripresa del pericolo di una destra antidemocratica, del neofascismo, del neonazismo sono davanti ai nostri occhi e la dimensione europea dei fenomeni aggrava la situazione.

Non solo. Avvertiamo una progressiva perdita di autorevolezza della politica e dei partiti e una sempre più evidente sfiducia nelle istituzioni che genera un astensionismo sempre più marcato, l’indifferenza giustificata dalla corruzione dilagante che coinvolge tutti i livelli del pubblico, l’evasione fiscale.

Il saldamento di questi fenomeni potrebbe rivelarsi di una gravità straordinaria.

Dobbiamo dunque vigilare, forti dei valori ereditati dalla Resistenza. Ma dobbiamo anche attualizzare quei valori, portarli a contatto con le giovani generazioni, e far sì che esse ne subiscano il fascino contagioso e non cadano prede di facili, quanto criminali, revisionismi.

Celebrare la memoria è importante, ma è altrettanto importante rinvigorire quei valori nell’ambito della lotta politica, affinché siano respinte tutte le tentazioni autoritarie nel rispetto della Costituzione repubblicana nata dalla guerra di Liberazione».

Comitato Cittadino della Resistenza Antifascista di Savona (A.C.L.I. A.N.E.D. A.N.P.I. A.R.C.I. ASSOCIAZIONE DONNE IN NERO CONTRO LA GUERRA ASSOCIAZIONE SANDRO PERTINI C.G.I.L. C.I.S.L. U.I.L. COMITATO BOMBE SAVONA EMERGENCY FIAP-GL F.I.V.L. I.S.R.E.C. LIBERA – ASSOCIAZIONE DON BEPPE DIANA UNIONE DONNE IN ITALIA)

1 Comment

  1. stasera alle 23,55 flash mob ad Alassio, tutti in piazza Partigiani a cantare Bella ciao!

I commenti sono bloccati.