“Le terre, le genti, il Sacro” illuminano Albenga

red fish lella beretta_p

di Alfredo Sgarlato – A leggere i blog si direbbe che ad Albenga esistano solo il Palio dei Rioni e qualche incidente stradale. E invece oltre ai festival rock, jazz e teatrali c’è anche un festival di fotografia di livello internazionale: “Le terre, le genti, il Sacro”, a cura del Circolo Fotografico S. Giorgio con le associazioni FIAP e FIAF. Una lunga serie di mostre e workshop si snodano nei vari palazzi storici della città: ieri il vostro cronista ha visitato le due mostre che si possono ammirare al terzo piano di Palazzo Oddo, “Fotografe dal mondo” e “The thin voices of spirituality”. La prima, che occupa ben tre sale, ci svela il lavoro di donne provenienti da ogni parte del pianeta, tutte premiate a concorsi internazionali. Molte delle opere esposte provengono da paesi molto lontani, estremo oriente, est europeo, mondo arabo (ci fa piacere). Chi scrive non è un esperto di fotografia, quindi giudica dall’impatto estetico ed emotivo dato dal gusto personale: come potete immaginare, e constatare personalmente, il livello è altissimo, e non potrebbe essere altrimenti.

Da parte mia ho amato molto il gusto pittorico di Lella Beretta, autrice de “Il pesciolino rosso”, le geometrie di Burcu Uysal (Turchia) e Nadia Alamri (Oman), il movimento umano e spirituale di Tran Thi Tuyet Mai (Vietnam), il lavoro certamente costruito in studio ma di grandissima sapienza scenica e coloristica di Neda Raćki (Croazia), la silhouette in ombra di Filatova Ljubov (Bielorussia). Ma ripeto, si tratta di gusto personale, ognuno troverà immagini di suo gradimento, a seconda che ami il colore o il bianco e nero, il realismo o il lavoro più costruito.

L’esposizione si completa con i lavori dei fotoamatori del Ponente, i nostri concittadini Paolo Tavaroli e Luciano Rosso, poi Marco Zurla, Flavio Zurla, Emanuele Zuffo, Giorgio Paparella. Qui le foto sono a tema, la spiritualità, e ci portano in un viaggio senza confini, attraverso luoghi e volti da Albenga al deserto all’Asia. Una critica però bisogna farla: perché una mostra così bella e importante dura solo una settimana? Meritava molto di più. Nei prossimi giorni vi illustreremo le altre iniziative.

Nessun evento trovato!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*