Savona, Lirosi: il punto sui lavori temporanei in Piazza del Popolo e Aurelia Bis in zona di Via Schiantapetto

Nella seduta di Giunta di oggi, martedì 13 maggio, l’ Assessore ai Lavori Francesco LirosiPubblici di Savona, Francesco Lirosi, ha fatto il punto sui lavori temporanei in Piazza del Popolo, l’Aurelia Bis, con attivazioni in favore della cittadinanza nella zona di Via Schiantapetto di parcheggi, deambulazione pedonale, terreno dietro ai campi da tennis, scuola.

1. LAVORI TEMPORANEI IN PIAZZA DEL POPOLO – In attesa del materiale inizio dei lavori di ristrutturazione dei giardini di piazza del Popolo, si provvederà ad eliminare le isole innanzi all’Hotel Suisse ed istituire una linea di pk a lisca di pesce, lato giardini.

In tal modo: la cittadinanza potrà usufruire di n. 30 pk in più sino alla fine dei lavori; i pk saranno poi ridotti a 16; si potranno eliminare i news jersey bianchi e rossi.

Pertanto, si eseguirà: la citata eliminazione delle isole; la bitumatura del tratto interessato; la segnaletica orizzontale; il conferimento in discarica del materiale di risulta.

Il costo è stato calcolato in Euro 7.000,00 e si potrà provvedere con il fondo Manutenzione Strade.

2. AURELIA BIS: ATTIVAZIONI IN FAVORE DELLA CITTADINANZA DELLA ZONA DI VIA SCHIANTAPETTO – Conseguentemente agli imminenti lavori per l’Aurelia bis, di palificazione in via Mignone e di cantiere in via Schiantapetto, nella zona verranno a mancare parecchi pk liberi e la deambulazione pedonale in via Schiantapetto diventerebbe, allo stato attuale, pericolosa.

Pertanto, sono da intraprendere varie iniziative al fine di tutelare la locale cittadinanza.

PARCHEGGI. Si può ovviare parzialmente sfruttando in maniera più funzionale un terreno di circa 300 mq sito dietro a via Rusca, dopo gli impianti tennistici, comunque già utilizzato come pk di fortuna dagli abitanti della zona, che vi accedono passando da via Padova.

Le attivazioni da intraprendere, con urgenza, sono: piccolo intervento di diserbo del sito e di potatura dei due alberi presenti, per cui ATA ha già presentato un preventivo di Euro 500,00; approntamento di un modesto impianto di pubblica illuminazione, per cui sono necessari un breve cavidotto, un palo e n. 3 lampade, per globali Euro 5.200,00; fornitura e stesa di 30 metri cubi di ghiaione, per globali Euro 900,00.

La capienza sarà aumentata di circa n. 15 pk ed il sito risulterà perennemente migliorato e più sicuro. Pertanto, la spesa finale necessaria per migliorare questo pk risulta di Euro 6.600,00 affrontabile con i residui presenti e conseguenti alle economie di appalto della manutenzione della Pubblica Illuminazione (per la parte elettrica) e con il capitolo della Manutenzione Strade (per la fornitura e stesa del ghiaione nonché per l’intervento di ATA).

La presente decisione può essere applicata in quanto il Tribunale di Appello ha già rigettato la richiesta di sospensiva all’ordine di immediata restituzione del sito che il Tribunale di prima istanza aveva ordinato ai cittadini ricorrenti, pur se questi si sono anche appellati per la decisione globale a loro avversa in primo giudizio.

DEAMBULAZIONE PEDONALE. Conseguentemente all’apertura di cantiere in via Schiantapetto, risulterà più pericoloso l’utilizzo del marciapiede lato mare, per scendere in via Padova o in via Martiri della Deportazione. Inoltre, sempre a lato mare, verranno abbattuti gli edifici esistenti, sino al limite della cabina ENEL e, a seguire, verrà realizzato il viadotto.

Risulta necessario, e urgente, proteggere i pedoni, che dovranno utilizzare unicamente il lato monte di via Schiantapetto. Qui sarà realizzata una zebrata, con parapedonali, sino alla citata cabina ENEL e, infine, una zebrata di attraversamento per arrivare al marciapiede restante a lato mare, non più interessato dai lavori. I manufatti necessari sono n. 20, per un costo di Euro 2.400,00.

La spesa totale ammonta ad Euro 3.000,00, affrontabile con il capitolo della Manutenzione Strade.

TERRENO DIETRO AI CAMPI DA TENNIS. A catasto, nella particella 30, foglio 52, sono inseriti il lotto n. 30 (di cui fa parte il citato piccolo terreno utilizzato come pk di fortuna, di circa mq 300), il n. 29 ed anche il piccolo n. 279 (una striscia non appetibile).

Dopo un infruttuoso tentativo di conciliazione, esperito attraverso una offerta di vendita ai privati per circa Euro 800.000,00, tutti questi terreni, per globali mq 4.977, sono da anni oggetto di una lite giudiziale. All’inizio con n. 3 cittadini e, in seguito, unicamente con uno solo di questi, che ha deciso di ricorrere in appello avverso la sentenza generale di primo grado, con seduta prevista in data 28 Ottobre c.a., ma che, comunque, ha già perso il ricorso presentato avverso l’ordine del Tribunale di immediata restituzione del sito al Comune di Savona. Pertanto, il Comune di Savona può ora disporre del terreno.

Infine, non appena possibile, l’utilizzo di tutto l’ampio sito sarà preventivamente discusso con gli abitanti della zona per poterne ricavare pk, area verde, parco giochi o quello che verrà pubblicamente deciso, pur nella doverosa considerazione delle varie difficoltà riscontrabili, tra cui il sottopassaggio del rio Rian, tombinato, la forte irregolarità della superficie del terreno nonché la necessità di reperire le ingenti somme necessarie.

A cura dell’Assessorato ai Lavori pubblici verranno sostituite anche le finestre della scuola di via Schiantapetto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*