Economia ed Europee, crisi Piaggio, Agnesi, Fruttital… Benifei interviene sulla difficile situazione delle imprese liguri

“Questi giorni sono particolarmente difficili per le imprese liguri e mi Brando Benifeiriferisco in particolare alla situazione di importanti realtà produttive quali la Piaggio Aero Industries di Sestri Ponente e Finale Ligure, l’Agnesi di Imperia e la Fruttital di Albenga”. Il Candidato del Partito Democratico alle Elezioni Europee 2014 Brando Benifei così interviene sulla difficile situazione delle imprese liguri.

“La questione del rilancio delle politiche industriali – prosegue – è legata a doppio filo con quella dei finanziamenti e deve essere inquadrata, necessariamente, in un piano generale che non può e non deve limitarsi all’impegno concreto del governo regionale, ma deve coinvolgere attivamente il livello nazionale e in prospettiva quello europeo. Il compito del Governo è cruciale nella definizione degli accordi in merito agli investimenti esteri, al netto del segnale positivo della partnership tra Ansaldo e Shanghai Electric. La sfida per il futuro deve ripartire dalle nostre eccellenze, come ha ricordato il presidente del consiglio Renzi parlando all’Istituto Italiano di Tecnologia nella sua recente visita alla città di Genova, e sfruttare tutte le possibilità che si possono aprire con la nuova legislatura di Strasburgo”.

“Penso in particolare all’aiuto concreto che potrebbe realizzarsi con l’iniziativa dei Cittadini Europei ‘New Deal 4 Europe’ finalizzata a proporre alla Commissione Europea un piano straordinario per l’occupazione e lo sviluppo sostenibile finanziato attraverso una carbon tax e una tassa sulle transazioni finanziare. In qualità di Presidente nazionale dell’associazione EuLab e dirigente del Movimento Federalista Europeo – conclude Benifei – sono stato tra i promotori dell’ICE, considerando l’adesione a questa iniziativa come il primo passo concreto per un impegno diretto dell’Europa per far fronte alla crisi economica che attanaglia da troppi anni il nostro continente”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*