Savona: accolti in provincia 76 migranti in attesa della richiesta di protezione internazionale

In provincia di Savona, accolti i 76 cittadini stranieri in attesa della mani mondo intercultura 00richiesta di protezione internazionale. Anche in considerazione del volontario allontanamento dei 43 cittadini eritrei e dei 7 cittadini siriani giunti rispettivamente il 25 e il 29 aprile, precisa la Prefettura savonese, il 5 maggio sono stati trasferiti dai centri di raccolta siciliani alle strutture di accoglienza attivate in provincia di Savona 76 cittadini stranieri, 43 provenienti dal Mali, 9 dal Pakistan, 8, comprese 4 donne e un bambino, dalla Nigeria, 5 dal Senegal, 1 dalla Guinea, 4 dal Gambia, 5 dal Ghana e 1 dal Niger.

Le operazioni di trasferimento, coordinate dalla Prefettura, ed alle quali hanno partecipato la Polizia di Stato, i Carabinieri, la Polizia Stradale, il 118, la Croce Rossa, le Caritas Diocesane di Albenga e Savona e le Cooperative interessate per l’assistenza, si sono svolte in modo puntuale ed efficace. I migranti, giunti all’aeroporto di Genova nella serata del 5 maggio sono stati condotti, su mezzi messi a disposizione dalla TPL e dalla Croce Rossa e con la presenza delle pattuglie della Polizia Stradale del Centro Operativo Autostradale di Genova, a Savona e quindi smistati presso varie strutture.

Ventisette migranti del Mali presso l’ex caserma della Guardia di Finanza di Varazze, concessa alla Prefettura dalla Provincia di Savona appositamente a questo scopo e gestita dalla Croce Rossa, 7 migranti del Mali presso la struttura di Varazze della Cooperativa “L’Ancora”, 4 migranti donne, e un bambino, nigeriani presso le strutture della Caritas Diocesana di Albenga, altri 7 migranti del Mali presso la strutture della Caritas di Savona, tre nigeriani, un cittadino del Niger e due maliani presso le strutture de “L’Ancora” in Savona, mentre presso le strutture gestite dalla Cooperativa !Il Percorso” a Dego, Carcare, Mallare e Cairo hanno trovato ospitalità i rimanenti ventiquattro migranti: nove cittadini del Pakistan alloggiati a Dego, e i cittadini del Senegal, della Guinea, del Gambia e del Ghana divisi tra le strutture di Mallare, Cairo e Carcare.

I 76 cittadini stranieri si aggiungono agli altri 30, del Senegal, del Bangladesh, del Niger e della Guinea, richiedenti asilo ed alloggiati presso strutture di Cairo Montenotte, Roccavignale, Celle Ligure e Savona sin dal 7 febbraio 2014 per i quali sono in corso le procedure per la concessione dell’eventuale asilo politico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*