Proseguono i restauri del patrimonio Diocesi di Albenga- Imperia

di Claudio Almanzi – Sono impegnati nella salvaguardia dell’immenso Restauri diocesipatrimonio artistico, storico, culturale e religioso della Diocesi di Albenga- Imperia operai, professionisti, tecnici, fedeli, sacerdoti e volontari che si impegnano attivamente affinché i preziosi lasciti delle generazioni precedenti possano giungere a quelle future. Continuano infatti vari restauri che riguardano chiese, edifici, opere d’arte e devozionali.

A Loano la chiesetta dei pescatori e dei marinai della Madonna di Loreto, situata in prossimità del Porto è al centro di un importante restauro. Dopo il consolidamento del porticato gli interventi stanno riguardando anche gli interni in particolare l’altare laterale di fine Seicento. I lavori vengono compiuti dall’impresa Formento di Finale e diretti dall’ architetto Piera Tassara e dal geometra Marco De Francesco.

A Casanova Lerrone invece è già stato completato il restauro della Madonna del Rosario, che è tornata nella chiesa parrocchiale di Sant’Antonio Martire. La statua è una pregevole opera lignea realizzata cento anni or sono dallo scultore genovese Attilio Righetti.

Ad Imperia nel monastero delle Clarisse di Porto Maurizio, dove sono in corso interventi e lavori, sono state rinvenute nuove pareti affrescate con pitture murali del 1400 raffiguranti una natività di Gesù, già restaurata con l’aiuto del FAI la scena raffigurante la nascita di San Giovanni Battista con uno splendido Zaccaria che ne annuncia il nome mediante un cartiglio. Altre interessanti scoperte sono state fatte nei piani sottostanti del complesso storico e monimentale, con il rinvenimento delle tracce di una antica via incorporata nell’edificio, con aperture di antiche botteghe, pozzi, cisterne e un forno.

A Toirano proseguono i lavori di restauro del campanile della chiesa di San Martino vescovo. I lavori riguardano oltre al consolidamento murario della torre, anche la pulizia delle strutture interne, della pieve medievale, il ripristino del porticato e delle finestre ogivali, il rifacimento dell’ impianto elettrico. La spesa di 140 mila euro è per metà finanziata dalla Compagnia di San Paolo. I lavori dovrebbero terminare a Pasqua.

A Pietra Ligure è stato ultimato il restauro esterno della Basilica di San Nicolò. Gli interventi hanno riguardato le superfici murarie, le pareti che erano degradate, le gronde in ardesie, le cornici, il gruppo statuario. Il restauro continua nel risanamento degli intonaci e dell’ affresco della volta centrale, che racchiude un grande medaglione dalla superficie di 200 metri quadrati che rappresenta il Paradiso, realizzato nel 1862 dal pittore genovese Luigi Sacco. L’ intervento riguarda anche la controfacciata che presenta affreschi, anch’essi del Sacco, che rappresentano momenti della vita di San Nicolò.

A Costarainera è stato ultimato il restauro dell’ edificio di culto della chiesa parrocchiale dei Santi Antonio e Giovanni Battista. Fra le opere restaurate una scultura della Santissima trinità, che è stata attribuita alla bottega di Francesco Brea, un crocifisso settecentesco e sei notevoli dipinti seicenteschi. Il restauro è stato reso possibile grazie all’ aiuto economico della Compagnia di San Paolo, della Fondazione Carige, del Ministero per i Beni e le Attività culturali e della Sovrintendenza per i Beni storici ed artistici.

A Laigueglia infine proseguono con successo i lavori per il restauro dell’organo presente nello storico oratorio di Santa Maria Maddalena, anch’esso recentemente riportato all’antica bellezza. L’ organo, che non veniva utilizzato da decenni e si era nel tempo deteriorato tanto da non poter più funzionare, sta lentamente riprendendo vita e tornando allo splendore originale grazie ad accurati interventi degli esperti della bottega artigiana “Nicola Puccini” di Pisa a cui è stato affidato il delicato intervento, che si stanno prendendo cura di ogni parte danneggiata. Tutto il materiale costitutivo dell’organo è originale, ma devastato da anni di incuria. L’operazione è diretta dalla Sovrintendenza per i beni artistici e paesaggistici della Liguria e dall’ufficio beni culturali della Diocesi di Albenga-Imperia e ha potuto prendere vita grazie ai contributi della Conferenza Episcopale Italiana, della Fondazione Agostino De Mari (Savona) e della Confraternita di santa Maria Maddalena (Laigueglia). Molti benefattori hanno inoltre e stanno tutt’ora partecipando attivamente per contribuire a far sì che il prezioso organo possa essere riparato e torni così a funzionare. L’oratorio di Santa Maria Maddalena, che si trova accanto alla chiesa parrocchiale, è un luogo di preghiera che può anche ospitare eventi culturali, mostre, conferenze.