Odissea per 24.000 addetti dei servizi di pulizia nelle scuole in attesa di conferme

(Roma) – Prosegue l’odissea dei 24.000 addetti dei servizi di pulizia nelle banchi scuola 00scuole per i quali il 31 marzo prossimo scadrà l’ennesima proroga al rifinanziamento dei corrispettivi di appalto come deciso nelle scorse settimane da un Decreto Legge varato dal Governo.

I sindacati di categoria Fisascat Cisl, Filcams Cgil e Uiltrasporti Uil, nel sollecitare la ripresa del confronto governativo previsto dalla Legge di Stabilità e finalizzato alla individuazione di soluzioni definitive per la risoluzione della complicata vertenza, denunciano l’assenza di risposte concrete necessarie per la tutela dell’occupazione dei lavoratori Ex Lsu e deglil Appalti Storici, per garantire agli istituti scolastici i servizi rispondenti al mantenimento di corretti livelli di sicurezza e di salubrità.

In considerazione di quanto potrà accadere dal 1° aprile 2014, all’indomani della scadenza della proroga, i sindacati annunciano nuove iniziative di mobilitazione e di sostegnoalla vertenza. Già per la giornata del 25 marzo prossimo a livello nazionale, sono indette manifestazioni locali in tutta Italia per rivendicare il rispetto degli impegni assunti dal Governo e sollecitare l’individuazione di soluzioni ai problemi occupazionali e del reddito degli addetti coinvolti nonché per la tutela della salute di chi frequenta gli istituti scolastici.

“Non si è ancora provveduto ad oggi ad ufficializzare le soluzioni per la complicata vertenza che rischia sempre più di avere pesantissimi risvolti sociali – ha denunciato il segretario generale aggiunto della Fisascat Giovanni Pirulli. “Un disagio – ha concluso – che inevitabilmente si riflette su quello che abbiamo di più caro, la salute delle migliaia di bambini e ragazzi che frequentano gli istituti scolastici pubblici”.