Per non dimenticare: a Borghetto incontro con Gilberto Salmoni

Martedì 11 febbraio il Comune di Borghetto S. Spirito ospiterà per l’intera Una storia nella storiagiornata il Sig. Gilberto Salmoni, Presidente dell’ANED – Associazione ex deportati di Genova, che porterà la propria testimonianza di internato prima a Fossoli e quindi di deportato, a soli quindici anni, a Buchenwald.

Nella mattinata il Sig. Salmoni incontrerà le Scuole del Sistema Bibliotecario della Valle Varatella. Alle ore 21,00, presso la Sala polivalente di Palazzo E. Pietracaprina si svolgerà l’incontro aperto al pubblico e la presentazione del libro“Una storia nella storia” -Ricordi e riflessioni di un testimone di Fossoli e Buchenwald, con introduzione di Graziella Frasca Gallo.

Scrive Gilberto Salmoni: “[…] Nel corso della stesura di queste pagine mi sono reso conto che l’esperienza della deportazione ha inciso su di me più di quanto pensassi. […] Perdere mamma, papà, sorella, nonno, morti quando avevano un’età che avrebbe permesso loro di raccontarmi e insegnarmi ancora tante cose, è stato ed è molto doloroso. […] Ho deciso di continuare a vivere […] Allora trovo ancora in me l’energia per invitare giovani e meno giovani a non avere paura delle diversità, a non tenerle lontane […] e facendo un passo più avanti, a difendere la natura e l’ambiente e a guardare le diversità fisiche e mentali e i conflitti di opinione come un’eccellente opportunità per allargare i propri orizzonti e per tenere lontano il rischio di un nuovo disastroso, definitivo conflitto”.

Queste riflessioni di Gilberto Salmoni emergono durante la narrazione della sua esperienza di internamento a Fossoli e Buchenwald, rievocata con attraverso lo sguardo del ragazzo di allora e filtrate dall’esperienza di oggi. Nel testo Salmoni ripercorre episodi di un passato lontano, attraverso volti di persone care e di sconosciuti. La narrazione è fluida e l’autore riesce, anche attraverso l’appendice documentaria a testimoniare la grande tensione verso ideali di giustizia, libertà e uguaglianza che avrebbero dovuto animare la nuova società uscita dalla guerra.