Savona, una provincia con 30 mila disoccupati: Rc presenta un “Piano per il Lavoro e la Costituzione”

Con un tessuto produttivo fatto di piccole e medie imprese oggi la Rosa Rinaldi No al carboneprovincia di Savona sta subendo più di altre realtà la crisi, siamo arrivati a quasi 30000 disoccupati, un abitante su 10. «Come Rifondazione abbiamo provato ad intervenire su alcune vertenze del nostro territorio. Penso al TPL, alla lotta dei lavoratori e delle levoratrici della FAC, dell’OCV, della Ferrania, della Fruttital, della Bombardier, della Cabur» spiega Valeria Ghiso, segretaria del Circolo PRC di Vado Ligure-Quiliano, «e in tema di lavoro non si possono certo ignorare, anche in virtù delle recenti novità, i due grandi progetti che investono la nostra provincia e il territorio vadese in particolare: la piattaforma Maersk e la centrale Tirreno Power».

Proprio a Vado Ligure Rifondazione Comunista ha deciso di presentare il “Piano per il Lavoro e la Costituzione”. Sabato 1 febbraio dalle ore 16, infatti, presso la SOMS “Pace e Lavoro” nella Valle di Vado Rosa Rinaldi della Segreteria nazionale del PRC (già componente della Direzione nazionale FIOM e già Sottosegretaria al Lavoro) illustrerà il “Piano”, sottoscrittro tra gli altri dall’ex Segretario FIOM Gianni Rinaldini, che «si prefigge la creazione di almeno un milione e mezzo di posti di lavoro nei prossimi tre anni con un nuovo intervento pubblico per un altro modello di sviluppo: investendo in politiche industriali per la riqualificazione e la riconversione ecologica dell’economia, nel risparmio energetico e nelle rinnovabili, nell’agricoltura di qualità, nella messa in sicurezza dal rischio idreogeologico e sismico, nella cultura e nella manutenzione del patrimonio artistico, nel diritto alla casa, alla salute, per rilanciare scuola, università, ricerca pubblica».

L’incontro verrà introdotto da Valeria Ghiso Segretaria del Circolo PRC di Vado Ligure-Quiliano e da Silvio Pirotto Responsabile Lavoro PRC Savona.